logo san paolo
sabato 31 ottobre 2020
 
Immigrazione
 

Svizzera: apartheid per i richiedenti asilo?

21/08/2013  Sdegno e indignazione per le nuove misure che limitano la libertà di movimento dei richiedenti asilo nel centro di accoglienza di Bremgarten

Il Centro di accoglienza di Bremgarten nel Canton Argovia
Il Centro di accoglienza di Bremgarten nel Canton Argovia

La notizia ha destato immediatamente scalpore, ha generato un'ondata di proteste delle organizzazioni umanitarie svizzere e internazionali ed è stata ripresa da prestigiose televisioni e testate europee come BBC, El Pais e Suddeutsche Zeitung. Il quotidiano britannico The Indipendent ha titolato: "La Svizzera vara restrizioni simili a quelle dell'apartheid".

Questi i fatti in breve. Il 9 giugno scorso, attraverso un referendum, la Confederazione Elvetica ha approvato un nuovo, ulteriore inasprimento della legge sulla richiesta di asilo. Tra le novità introdotte, la possibilità di utilizzare infrastrutture confederali da adibire a centri di accoglienza. E proprio il nuovo centro di accoglienza di Bremgarten, nel Canton Argovia, è diventato oggetto delle polemiche da quando le autorità locali hanno deciso di bandire dai luoghi pubblici gli ospiti della struttura.

Le autorità confederali hanno inizialmente giustificato la decisione con la volontà di non turbare la popolazione e, allo stesso tempo, evitare contenziosi con le istituzioni locali per la presenza di richiedenti asilo nella propria giurisdizione. Ciò si è tradotto in un divieto evidentemente discriminatorio, che di fatto proibisce ai richiedenti asilo di recarsi in svariati luoghi pubblici come scuole e centri sportivi.

Lo striscione recita: "100 richiedenti asilo. No Grazie!"
Lo striscione recita: "100 richiedenti asilo. No Grazie!"

Gerry Simpson di Human Rights Watch ha commentato: "È scioccante che la Svizzera – Paese che ospita le Nazioni Unite e l'UNHCR (Alto commissariato dell'ONU per i rifugiati) – introduca una politica discriminatoria che, di fatto, corrisponde a una segregazione dei richiedenti asilo dalla comunità in cui vivono".

L'OSAR (Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati), in un comunicato, ha definito insostenibile il divieto sia sotto il profilo giuridico sia sotto quello umanitario. La stessa direttrice dell'UNHCR Susin Park ha sottolineato che un'emarginazione di questa portata compromette la futura integrazione dei richiedenti asilo.

La Svizzera è da tempo al centro di polemiche e critiche, a livello internazionale, per una politica sempre più restrittiva in materia di asilo. Politica che, come detto, lo scorso 9 giugno ha subito un ulteriore giro di vite, in buona parte dovuto all'aumento esponenziale delle richieste di asilo in seguito alle primavere arabe. La nuova legge, infatti, restringe la possibilità di presentare domanda solo ai posti di frontiera e negli aeroporti svizzeri, cancellando la possibilità di fare domanda presso le ambasciate. Inoltre chi nel proprio Paese ha disertato o si è rifiutato di prestare servizio militare non sarà più considerato un rifugiato dalla Confederazione.

Un cartellone elettorale della SVP, Unione democratica di centro, partito svizzero di destra
Un cartellone elettorale della SVP, Unione democratica di centro, partito svizzero di destra

Questo episodio non è altro che l'ultimo in ordine di tempo. In Svizzera, come d'altra parte nella maggioranza dei Paesi europei, l'immigrazione è diventato un tema caldo, sul quale spesso e volentieri si gioca il destino politico di un candidato, di un partito o di una coalizione di governo.

La pressione delle comunità locali, che negli ultimi anni hanno di frequente protestato contro la costruzione di nuovi centri d'accoglienza sul proprio territorio, hanno evidentemente condizionato l'operato del Governo, del Parlamento elvetico e dell'UFM (Ufficio federale della migrazione). "Sono necessarie delle regole del gioco", si è giustificato il direttore dell'UFM Mario Gattiker, senza chiarire a quale gioco si stesse riferendo (le domande d'asilo dei rifugiati?) né tanto meno sentendosi in imbarazzo per aver specificato che il divieto non si estende a chiese e biblioteche.

Ma la classe politica, sia essa svizzera, italiana o dell'Unione Europea, in quanto classe dirigente non dovrebbe affrontare il tema dell'immigrazione in un'ottica finalmente globale, anziché affidarsi alla "pancia" degli elettori? È ragionevole a questo proposito attendere proposte concrete anziché risposte demagogiche, che resuscitano fantasmi sudafricani e ricordano la vergogna segregazionista degli Stati Uniti?

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%