Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Tania ricomincia da tre

13/08/2010  Dopo l'oro dal trampolino da un metro, la tuffatrice di Bolzano guarda avanti: sabato l'aspetta l'individuale da tre metri e domenica il syncro con Francesca Dallapé.

Veder vincere Tania Cagnotto è bellissimo, perché ti fa soffrire poco, perché sai che quando conta lei c'è e che se c'è da vincere  qualcosa che conta l'ultimo tuffo lo piazza sempre con una sicurezza spaventosa. 

    Non sono tanti gli agonisti così: i "sicuri" non sono né giocatori d'azzardo che rischiano a costo di spaccare tutto, né arrendevoli che si limitano al compitino, sono i campioni che trovano in gara, sotto pressione, il massimo dell'equilibrio e i tuffi in questo sono una gara speciale, un po' come i concorsi nell'atletica: due secondi di cimento e mezze ore di attesa. 

    E lì nell'attesa, si vede il campione: la testa che non si perde, che non affoga nell'ansia e neanche si distrae. Sara Simeoni era così e Tania a suo modo le somiglia, quando escono dal campo di gara non sono fredde, ma in gara danno quello che c'è da dare, senza scuse. Quando conta loro ci sono. Sempre. E ora un paio di giorni di riposo e poi i tre metri, la gara preferita, la gara del bronzo mondiale, che Tania vorrebbe tanto un giorno replicare a cinque cerchi.
    
    Per Tania l'oro dal trampolino da un metro agli Europei di Budapest, davanti
alla svedese Anna Lindberg, alla russa Anastasia Pozdnyakova. Quarta l'altra azzurra in gara, Maria Marconi è la decima medaglia europea, il sesto oro. La medaglia meno attesa, nella gara meno amata.
    «Ora che ho rotto il ghiaccio vado più tranquilla alla gara dai 3 metri: una è andata, ora voglio godermi le gare e l'atmosfera».
    E siamo solo all'inizio: sabato ci sono i 3 metri e domenica il syncro in coppia con Francesca Dallapé.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo