logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
 

Tanta Italia in tante piazze

13/02/2011  La protesta "delle donne", colorata e pacifica, ha portato per le strade anche coloro che non sapevano che cosa fosse una manifestazione. Una sola richiesta corale: dimissioni.

Un momento della manifestazione a Roma.
Un momento della manifestazione a Roma.

Alle 16,20 ecco  il gesto a un tempo simbolico e liberatorio: centinaia di ombrellini policromi si aprono con perfetta sincronia, a due passi dal Po, vegliati dai portici e dai palazzi della Torino ottocentesca. Il grigio pomeriggio subalpino è reso d'un tratto gradevole da colori e suoni.

      «Questi ombrellini non ci riparono solo dalla pioggia ma anche dal fango che ci colpisce come donne e come cittadine», si sgola dal palco una delle coordinatrici torinesi del Movimento "Se non ora quando?". Piazza Vittorio è la più grande piazza in Europa: domenica 13 febbraio diventa uno dei 150 luoghi italiani e dei 50 stranieri scelti dalle italiane e dagli italiani stufi dell'indecenza che emerge dagli atti giudiziari dell'ultimo scandalo sessuale che vede protagonista il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

     Oltre centomila partecipanti, un corteo ininterrotto tra via Roma, piazza San Carlo, via Po e, infine, piazza Vittorio. Uno sfilare ordinato e allegro, che non impensierisce la polizia (presente con discrezione). E' gente che arriva da tutti i quartieri e da fuori Torino (da Pinerolo e dalla Val Chisone, ad esempio, hanno riempito un treno). E' gente particolarmente esasperata dalla pessima reputazione che circonda l'Italia a causa delle  "figure" collezionate dal Premier. E' gente poco avvezza a manifestare come provano Rossana, 32 anni, e Marina, un'imprenditrice di 50 anni, qui con il marito, madre di 3 figli: Rossana, Marina e tante altre come loro fino a oggi non hanno mai partecipato a una manifestazione: «Adesso, però, non ne possiamo davvero più, dobbiamo esserci, sentiamo il dovere civile di protestare in maniera garbata e non violenta».

       Tante donne d'ogni età, censo, cultura e idee politiche. Molti uomini. Intere famiglie. Ci sono anche importanti presenze del mondo cattolico, come chi è stato al vertice della recente Ostensione della Sindone. A occhio sembrano abbondare gli ultratrentenni, con punte significative di sessanta-settantenni. Mancano i ventenni, in ogni caso non sono tantissimi. Che sia il battesimo della piazza anche per alcuni organizzatori lo testimoniano certi lunghi silenzi che caratterizzano il cammino e l'arrivo in piazza Vittorio, impensabili in cortei sindacali o della sinistra tradizionale. No, qui prevale il clima da passeggiata domenicale arricchita da testimonianza civica.  Giusto qualche canzone di Caparezza dà una spruzzata di giovanile attualità al tutto.


    In molti, comunque, ritmano slogan come: «lavoro, rispetto, diritti e dignità» o come «le donne hanno valore, non hanno prezzo». Sul palco vengono leggono riflessioni critiche sul modello mercificato di amore e di sessualita'. Queste donne non si presentano come "sante" contrapposte a "malefemmine". Nessun giudizio. Solo il desiderio di rivendicare una nuova etica.  Di politico, il richiamo costante all'articolo 54 della Costituzione riportato da diversi cartelli: "I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore...". Quando gli altoparlanti annunciano la partecipazione con cifre a più zeri registrata dai cortei di Milano e Roma fioccano gli applausi, che si fanno scroscianti quando vien precisato: «A Parigi sono numerosissime le donne che sfilano battendo pentole e coperchi». A quel punto la piazza di Torino si unisce idealmente con quelle di tutta Italia e di tutta Europa con una richiesta, perentoria, quasi un tuono tant'è urlata: "Dimissioni".

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo