logo san paolo
lunedì 18 novembre 2019
 
2050
 

Tanti cristiani ma non in Europa

06/04/2015  Pubblicato il rapporto "Il futuro delle religioni". Nel 2050 un cristiano su quattro vivrà in Africa. Piccola l'Europa cristiana, in aumento i musulmani a causa del tasso demografico.

La rievocazione della crocifissione ad Abidjan, in Costa d'Avorio (Reuters).
La rievocazione della crocifissione ad Abidjan, in Costa d'Avorio (Reuters).

Non solo un Papa “venuto dalla fine del mondo”, ma un cristianesimo sempre più alla periferia del Vecchio Continente. Nel 2050, quattro cristiani su dieci vivranno nell’Africa subsahariana, in Paesi come la Nigeria e il Kenya dove oggi si viene uccisi perché credenti in Gesù. E gli Stati con il maggior numero di cristiani (delle differenti confessioni)? Nell’ordine saranno Usa, Brasile, Nigeria, Filippine, Congo, Messico, Tanzania, Russia, Etiopia e Uganda. Insomma, America e tanta Africa, poca Europa.

Lo dice il rapporto “Il futuro delle religioni”, appena pubblicato dall’autorevole Pew Research Center di Washington. Descrive come il mondo religioso stia cambiando. Del resto, tra i dieci paesi con più cristiani, già oggi la Germania è l’unico rappresentante europeo. Al nono posto, dopo Usa, Brasile, Messico, Russia, Filippine, Nigeria, Cina e Congo.

Tra 35 anni il cristianesimo continuerà a essere la religione più praticata al mondo con 2,92 miliardi di fedeli (31,4%), ma sarà quasi raggiunta dall’islam (2,76 miliardi; 29,7%). Oggi invece il divario è più ampio: 2,17 miliardi (31,4%) i cristiani, 1,6 (23,2%) i musulmani. Se il trend continuasse costante, nel 2070 le due fedi potrebbero avere lo stesso numero di seguaci e negli anni successivi inizierebbe lo storico sorpasso islamico.

Il motivo? I trend demografici. Dal 2010 al 2050, la popolazione mondiale raggiungerà i 9,3 miliardi, con un aumento del 35%. Se la crescita dei cristiani sarà perfettamente nella media (35%), quella dei credenti in Allah sarà del 73% a causa di tassi di natalità e fertilità elevati. È la stessa ragione per cui i buddisti saranno i fedeli dell’unica grande religione a non aumentare, per la bassa fertilità e l’invecchiamento della popolazione in Cina, Giappone e Tailandia.

Cresceranno invece gli induisti del 34% (da 1 miliardo a 1,4), gli ebrei del 16% (da 14 a 16,1 milioni), i seguaci delle religioni tradizionali – animisti africani, cinesi, nativi americani e aborigeni australiani – dell’11% (da 405 a 450 milioni) e gli aderenti a tutte le altre religioni – bahà’i, giainisti, sikh, taoisti– del 6% (da 58 a 61 milioni).

Tuttavia, se in termini assoluti cresceranno tutti i gruppi religiosi eccetto i buddisti, nel complesso della popolazione mondiale conteranno tutti meno. La presenza calcolata in percentuale diminuirà sempre, con la sola eccezione dell’islam e del cristianesimo. Sempre più, quindi, le due religioni monoteiste saranno destinate a confrontarsi.

La considerazione vale anche per la terza “fede” al mondo, quella dei “non affiliati”, che include gli atei e gli agnostici. Passeranno dagli attuali 1,1 miliardi a 1,2 ma in termini percentuali scenderanno dal 16 al 13%. Ci sono però delle significative eccezioni: nel 2050 i non credenti saranno il 26% della popolazione negli Stati Uniti (il 16% nel 2010), mentre diventeranno la prima “fede” in Francia, Olanda e Nuova Zelanda, Paesi che ancora oggi sono a maggioranza cristiana.

Il rapporto del Pew Research Center sottolinea altri cambiamenti. A metà del ventunesimo secolo, i musulmani in Europa saranno il 10% dell’intera popolazione (5,9% nel 2010) e negli Usa sorpasseranno gli ebrei, passando dall’attuale 0,9% al 2,1%. Nel frattempo, gli Stati Uniti rimarranno il paese al mondo con più cristiani, che però scenderanno da quattro quinti a due terzi. Infine – dicono i  ricercatori – l’Indonesia non sarà più il più popoloso Stato islamico al mondo. Infatti, pur rimanendo a maggioranza indù, lo diventerà l’India.

 

 

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%