Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Tanti giovani, tanta rivoluzione

25/02/2014  Il peso del fattore demografico: sono "saltati" i regimi dei Paesi dove oltre il 40% della popolazione ha meno di 24 anni. Solo Un caso?

I giovani in piazza a Kiev (Reuters).
I giovani in piazza a Kiev (Reuters).

47,5%; 50%; 46,1%. Teniamo a mente questi dati: sono la quota di popolazione inferiore ai 24 anni d'età rispettivamente in Venezuela, Egitto e Ucraina. E se provassimo a esplorare i dati di Paesi come la Siria, il Bahrein, la Tunisia,a la Libia o lo Yemen, scopriremmo realtà analoghe: le turbolenze degli ultimi anni sono scoppiate sempre in Paesi dove i giovani abbondano.

Non è una questione di ormoni ma di prospettive. Il Medio Oriente è la regione del mondo che ha speso di più, negli anni Novanta, per la scuola e l'istruzione. I Paesi dell'Est europeo sono per tradizione a livelli di scolarizzazione elevatissimi. Ma la situazione economica è pessima, oppure è fortemente condizionata dalle politiche di regime: i Paesi dell'Africa del Nord, primo fra tutti la Libia, o l'Ucraina che da sola, non molti anni fa, forniva il 25% dei prodotti agricoli di tutta l'Urss, o il Venezuela che vende petrolio anche agli Usa, non devono necessariamente essere poveri, o avere una quota della popolazione in povertà sempre oltre il 20%, come invece succedeva anche prima dei recenti tumulti.

La miscela era quindi destinata ad esplodere: tanti giovani di buona cultura (e quindi abituati all'uso delle nuove tecnologie di comunicazione), con scarsissime prospettive di realizzazione personale e professionale e destinati a scontrarsi con regimi autoritari ma soprattutto immobili, dove i soliti autocrati (si chiamino Chavez o Gheddafi, Yanukovich o Ben Alì) detenevano il potere per decenni. Un pentolone destinato a saltare, come infatti è successo e sta succedendo.
 

  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo