logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
Taranto
 

Taranto, musulmani donano il Bambinello all'apertura della Porta Santa

23/12/2015  Un gesto di pace, fatto in segno di rispetto per il Natale, hanno spiegato. Alla cerimonia, nella basilica di San Martino, a Martina Franca, hanno partecipato i numerosi migranti ospitati nella diverse strutture del territorio e i richiedenti asilo politico dello Sprar di Martina Franca. Le parole del vescovo, monsignor Filippo Santoro.

L'apertura della Porta Santa nella Basilica di San Martino a Martina Franca all'insegna del dialogo interreligioso. E’ stato un significativo momento di condivisione tra la comunità cattolica e quella musulmana molto presente a Taranto e provincia. L’arcivescovo, monsignor Filippo Santoro, ha sottolineato come «la Porta aperta, spalancata è un grande segno di accoglienza. Non esistono più vicini e lontani, tutti sono chiamati a passare per questa architrave dove troveranno un cuore che accoglie, che perdona e che ama».

All’evento giubilare hanno partecipato i numerosi migranti ospitati nella diverse strutture del tarantino e i richiedenti asilo politico dello Sprar  di Martina Franca, insieme ad Hassen Chiha, rappresentante della comunità musulmana di Taranto e uno dei fondatori dell'Associazione Umat (Unione dei Musulmani Amici di Taranto). Come gesto di pace, la comunità musulmana ha donato a monsignor Santoro un "Bambino Gesù" in segno di rispetto per il Natale. “Attraversare la Porta Santa ci faccia sentire partecipi di questo mistero di amore e di tenerezza - questo il pensiero del prelato -. Abbandoniamo ogni forma di paura e di timore, perché non si addice a chi è amato. Viviamo, piuttosto, la gioia dell’incontro con la grazia che tutto trasforma. Beneficiando del grande perdono di Dio dobbiamo camminare tutti fianco a fianco, in amicizia per far prevalere il bene comune e la responsabilità, la passione per questo territorio”.


Durante la solenne concelebrazione di Martina Franca la comunità cattolica e quella musulmana hanno condannato insieme le “guerre di religione” dove il nome di Dio è utilizzato per uccidere e distruggere, non rispettando così il messaggio di pace che invece entrambe le religioni trasmettono. Parole sentite quelle pronunciate da Hassen Chiha: “La Vergine Maria e suo figlio Gesù godono di una considerazione del tutto speciale tra i musulmani. Noi siamo qui per testimoniare la nostra gratitudine, per un dare un forte segnale di fratellanza e di comunione”.

I profughi sbarcati in periodi diversi a Taranto, dopo la prima accoglienza, vengono assistiti e seguiti dai volontari dell’associazione Salam fondata nell’aprile del 2010. Attualmente i migranti, perlopiù giovani, risiedono all’Hotel Belsit di Talsano (136), al Roxana Hotel di Pulsano (38), allo Sprar di Martina Franca (56) mentre ventisei minori provenienti anche da Egitto, Eritrea e Somalia sono alloggiati in una casa famiglia di Statte. “La nostra associazione è improntata sul grande impegno solidale verso chi lascia la propria terra in preda alla disperazione e per sfuggire alla guerra, alla fame - dice la 30enne presidente dell’associazione Salam, Simona Fernandez -. Il Giubileo apre il cuore alla speranza e ci dà un’ulteriore forza per essere al fianco dei nostri simili. L’auspicio è che si dipani un nuovo percorso interreligioso e interculturale che porti verso un cammino di pace e verso quell'amore tra fratelli e sorelle che nessun uomo potrà mai distruggere”.



I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo