logo san paolo
domenica 17 ottobre 2021
 
 

Tasse sì (e tante), servizi no

06/05/2013  L'italia è il quarto Paese in Europa per pressione tributaria, superato solo dai Paesi scandinavi. Che beneficiano di un sistema di welfare per noi inimmaginabile...

Gli italiani pagano molte tasse ma godono di pochi servizi (Ansa).
Gli italiani pagano molte tasse ma godono di pochi servizi (Ansa).

Ai primi posti in Europa per la pressione tributaria, senza che ciò comporti una corrispondente rete di servizi, un elevato tasso di occupazione e un debito contenuto. In altre parole, sulle spalle dei cittadini italiani gravano tutti gli oneri e quasi nessun beneficio di una forte tassazione. Sono i pradossi dell'economia italiana fotografati da un interessante rapporto della Cgia di Mestre. E chissà se il decreto in arrivo del Governo Letta, che congelerà, momentaneamente, Imu e Tares (ma le risorse da dove arriveranno?), è sufficiente a modificare un quadro che grava pesantemente su cittadini e imprese oneste.

Ecco i dati. Con una pressione tributaria - che non va confusa con quella fiscale, al 30,2% - l'Italia è il Paese più tassato d'Europa, ad esclusione dei Paesi Scandinavi. I quali, va ricordato, offrono servizi pubblici e un sistema di welfare non comparabile con quelloi di nessun'altra nazione. Lo certifica la Cgia di Mestre in una ricerca che elabora i dati di Eurostat: ad esclusione di Danimarca (47,4%), Svezia (36,8%) e Finlandia (30,5%), l'Italia è al quarto posto con una percentuale del 30,2: +1,3% sul 2011.

La pressione tributaria - sottolinea la Cgia - consente di misurare il carico fiscale, perché nasce dal rapporto fra imposte, tasse e tributi versati da una parte e il Pil dall'altra. Se il Regno Unito registra una pressione tributaria (28,6%) di 1,6 punti inferiore alla nostra, in Francia il carico tributario (27,9%) è minore di 2,3 punti ed in Germania (23,6%) addirittura di 6,6 punti. Rispetto alla media dell'Unione europea (26,5%), in Italia il peso delle tasse, delle imposte e dei tributi sul Pil è di 3,7 punti percentuali in più e addirittura superiore di 4,5 punti della media dei Paesi dell'area dell'Euro (25,7%).

''Con un livello di tassazione del genere - osserva Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia di Mestre - dovremmo ricevere una quantità di servizi con livelli di qualità non riscontrabili altrove. Invece, tolta qualche punta di eccellenza che registriamo in tutti i settori, la giustizia civile funziona poco e male, il deficit delle nostre infrastrutture materiali ed immateriali è spaventoso, in molte Regioni del Sud la sanità è al collasso, senza contare che la nostra Pubblica amministrazione presenta ancora livelli di inefficienza non giustificabili''. A rendere ancora più cupo il quadro, c'è un altro fattore: ''Se in Italia le tasse continuano ad aumentare e negli ultimi due anni il debito pubblico sul Pil è passato dal 120 a quasi il 130% e dall'inizio della crisi i disoccupati sono aumentati di circa un milione e mezzo, forse c'è qualcosa che non va. Dobbiamo assolutamente invertire la rotta, alleggerendo il carico fiscale su cittadini e imprese, condizione necessaria per far crescere la domanda interna e, molto probabilmente, anche l'occupazione''.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%