logo san paolo
martedì 24 novembre 2020
 
Chi si sposa oggi in chiesa e perché
 

Teologia del matrimonio? Tutta da ripensare

03/08/2015  Nell'ultimo numero della rivista dei gesuiti, padre Imperatori propone un approfondimento della "prassi pastorale del matrimonio", in sostanza fermo a quanto fissato dal Concilio di Trento.

Va ripensata integralmente la teologia del matrimonio,  che oggi è stata praticamente ridotta all’esaltazione dell’amore di coppia, e soprattutto va riscoperto il “primato di Dio” in un sacramento “di frontiera”. Nell’ultimo numero della Civiltà Cattolica, la rivista dei gesuiti i cui articoli sono letti e approvati dalla Segretaria di Stato vaticana prima della pubblicazione,  padre Mario Imperatori spiega che è necessario un nuovo approfondimento teologico della “prassi pastorale del sacramento del matrimonio” che è “sostanzialmente quella fissata a suo tempo dal Concilio di Trento”.

La necessità di una nuova elaborazione della teologia del matrimonio era stata sollecitata anche dai teologi che avevano partecipato ai tre seminari riservati organizzati dal Pontificio Consiglio per la Famiglia e i cui risultati sono stati pubblicati dalla Libreria Editrice Vaticana nel volume Famiglia e Chiesa un legame indissolubile. Padre Imperatori, gesuita svizzero che dirige a Tirana la facoltà di teologica del seminario della Chiesa albanese, sottolinea che oggi c’è un “ruolo preponderante” del diritto canonico con “possibile danno alla dimensione più specificamente teologica del matrimonio”. Il matrimonio infatti viene presentato come un “contratto naturale” che “tra battezzati diventa automaticamente sacramentale”. Insistere sulla legge naturale alla base del matrimonio cristiano è per il gesuita un errore anzi un “paradossale fattore di secolarizzazione del matrimonio cristiano”, nel quale la fede degli sposi ha sempre meno incidenza.

Padre Imperatori arriva a parlare di “boomerang  teologico e pastorale” a causa del fenomeno oggi sempre più rilevante di battezzati che non vivono la loro fede, e che si sposano in chiesa solo per tradizione o perché è più decoroso. Tutto ciò rischia di trasformare il matrimonio in un “sacramento per i non praticanti”. La riflessione si deve spostare invece dal piano canonico e morale a quello teologico, favorendo l’idea che è la relazione con Dio ad avere il ruolo centrale e dunque vitale.  Occorre rendere le persone “consapevoli circa l’importanza e la bellezza della relazione con Dio per poter gustare, vivere e nutrire quella di coppia”.

Padre Imperatori a questo proposito spiega che i corsi in preparazione al matrimonio, così come sono concepiti e cioè come “un pedaggio da pagare per una celebrazione alla quale si avrebbe comunque sempre diritto per legge naturale e per ragioni spesso sociologiche”, vanno cambiati. Quindi bisogna “pensarli e realizzarli in un ‘ottica quanto più possibile evangelizzatrice e come un agile itinerario di discernimento che la comunità cristiana può offrire anche a coloro che già iniziano una relazione di coppia”. Ma essi vanno poi adattati ai “tempi di maturazione e alla fattiva volontà delle coppie coinvolte”. In gioco insomma c’è la fede, cioè l’alleanza tra l’uomo e Dio, che va alimentata e su di essa si fonda il matrimonio e non su un contratto, che in virtù di una fede implicita, eleva a sacramento un istituto naturale. 

Il concetto di fede implicita, spiega il gesuita, poteva funzionare in contesti passati “ di cristianità”, quando il matrimonio era solo quello cristiano, garantito dalla forma canonica tridentina. Oggi non è più così e “man mano che ci si inoltra nella modernità e nelle sue sempre più profonde trasformazioni socio culturali, l’incidenza sociale ed esistenziale del fondamento divino della legge naturale si indebolisce sempre di più, fino a svuotare di contenuto reale lo stesso concetto di fede implicita”. 

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%