Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
Terrorismo internazionale
 

Terrorismo, tremila europei partiti per combattere a fianco dell'Isis

26/09/2014  L'allarme arriva dal Coordinatore europeo contro il terrorismo, Gilles De Kerchove: sono cosiddetti "foreign fighters" che partono per combattere in Iraq e Siria a fianco degli jihadisti dell'Isis. Tra loro anche una quarantina di combattenti italiani.

L'allarme viene dal Coordinatore europeo contro il terrorismo, Gilles De Kerchove, e non lascia per nulla tranquilli.  Secondo il funzionario ed esperto belga, sarebbe salito a «circa tremila il numero di combattenti europei in Siria ed Iraq», i cosiddetti foreign fighters che partono per combattere a fianco degli jihadisti dell'Isis, e che portrebbero essere molto difficile da identificare in quanto terroristi al loro rientro nei loro Paesi. «Il flusso di questi combattenti al servizio dei fanatici islamici  è enorme e non è mai stato così grande prima». E per questo De Kerchove ritiene «pressoché inevitabile un attacco terroristico anche in Europa su larga scala, e potrebbe giò essere troppo tardi per porvi rimedio e impedirlo».

E tra loro cresce il fenomeno delle donne, che in Belgio sono il 18% di chi parte per la jihad, precisa Gilles De Kerchove in una audizione davanti alla commissione esteri dell'Europarlamento a Bruxelles. Parla di «oltre tremila persone», e sottolinea che è solo una stima. Quello che è certo è che l'Isis ed il Califfato autoproclamato sono «una minaccia enorme per tutto il mondo», non solo per i paesi vicini come Libano, Giordania, Arabia Saudita e Turchia ma anche per i paesi del nordafrica. Il flusso, spiega De Kerchove, è alimentato non solo da motivazioni ideologiche ma anche dalla «frustrazione» per la percezione dell'anti-islamismo che si sta diffondendo in Europa e dalla retorica del guerriero che fa presa sui più giovani. «Molti - spiega - sono ragazzi delusi, emarginati, che hanno bisogno della suspense del conflitto armato». I paesi «più preoccupati» sono quelli da cui il flusso delle partenze è più grande: Belgio, Francia, Olanda, Germania, Gran Bretagna, Danimarca e Svezia. Ma, aggiunge, «alcuni vengono anche da Spagna, Italia e Austria».

Per il nostro paese le stime di polizia ed intelligence indicano in una quarantina i combattenti 'italianì. Si tratta di persone passate per il Paese, immigrati di seconda generazione, ma anche italiani convertiti. Quella dell'Isis, indicano i diplomatici europei del Seae che partecipano all'audizione, «non sarà una minaccia che sparirà in breve tempo». Anche perchè il gruppo terroristico ha sviluppato una capacità di autofinanziarsi pari a «due milioni di dollari al giorno grazie ai traffici illeciti sul petrolio» che, secondo quanto emerge nel confronto con i parlamentari, «sono alimentati anche dall'Europa». E questa capacità logistica, ha ricordato Coordinatore europeo contro il terrorismo, ha un ulteriore risvolto: «quello di alimentare la concorrenza con Al Qaeda, che potrebbe reagire con un attacco. Per combattere l'Isis servirà quindi una strategia di lungo termine».

Multimedia
#notinmyname: siamo musulmani, non siamo l'ISIS
Correlati
I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo