logo san paolo
lunedì 02 agosto 2021
 
Elezioni inglesi
 

Shock a Londra: Theresa May perde la maggioranza

09/06/2017  Fallisce la scommessa del primo ministro britannico, che sperava di uscire rafforzata dalle elezioni anticipate. Invece la rimonta dei laburisti di Corbyn impedisce ai Tories di conquistare la maggioranza assoluta. Sarà necessario un governo di coalizione e ora la premier ci prova con gli unionisti nordirlandesi.

Theresa May ha perso la scommessa. In aprile aveva voluto le elezioni anticipate convinta di rafforzarsi per poter battere i pugni sul tavolo nel negoziato su Brexit. Invece ha commesso un clamoroso autogol che potrebbe segnare la fine della sua carriera politica. Per ora resta in sella, ma la sua posizione e la sua autorevolezza escono dal voto molto indebolite.

I Conservatori restano il primo partito con 318 seggi, ma ne perdono 12. I Laburisti guadagnano 29 seggi e avranno a Westminster 261 deputati. I Liberaldemocratici avranno 12 seggi, 3 in più rispetto al precedente parlamento. Guadagnano 2 seggi gli Unionisti democratici, che totalizzano 10 seggi. Non saranno rappresentati, invece, gli euroscettici di Ukip, che vevano sostenuto la campagna per Brexit. Il loor nuovo leader, Paul Nuttall, ha annunciato le sue dimissioni. Pessimo risultato anche per gli indipendentisti scozzesi, che perdono diversi collegi e vedono così allontanarsi la prospettiva di un nuovo referendum sull'indipendenza della Scozia.

Fallisce dunque l’obiettivo della May di conquistare la maggioranza assoluta di 326 seggi. Nel sistema politico britannico, quando nessun partito ha la maggioranza assoluta, si ha al situazione di “hung parliament”, cioè del parlamento “appeso”. Per governare sarà necessario formare una coalizione. Dopo un incontro con la Regina a Buckingham Palace, la May ha annunciato che formerà un nuovo esecutivo "per attuare la Brexit e mantenere il paese sicuro".  Gli alleati dei Tories sranno i dieci parlamentari degli Unionisti dell'Irlanda del Nord (DUP).

Un governo di coalizione non è una novità  per il Regno Unito. Accade già, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, dopo le elezioni del 2010. Allora, in assenza di una vittoria netta dei Conservatori, fu necessario formare, dopo lunghi negoziati, un governo di coalizione fra i Tories e i Liberal Democratici, guidato da David Cameron.

Anche oggi, per poter ancora governare, la May, che resta primo ministro e non è obbligata a dimettersi, deve appoggiarsi alla stampella di un altro partito . Tuttavia la posizione della premier esce chiaramente indebolita dal voto. Oggi nei titoli dei giornali del Regno Unito ricorrono le parole “disastro” e “shock”. La sua leadership è già stata messa in discussione, con le prime velate richieste di dimisisoni anche all'interno del partito conservatore.

Sferzante il commento del leader laburista Corbyn: “Il primo ministro ha voluto le elezioni per avere un mandato. Bene, il mandato che ha avuto è stato la perdita di seggi, di voti, di sostegno e fiducia”. Per Corbyn quello di ieri è un risultato notevole. Sembrava un leader debole, poco carismatico, perdente, invece il leader laburista è stato l’artefice di una rimonta che sembrava impossibile. Secondo le prime analisi, il Labour è stato premiato soprattutto dal voto giovanile. “Le giovani generazioni hanno mostrato i loro muscoli politici”, scrive il Guardian.

Tra le vittime illustri delle elezioni dell’8 giugno ci sono anche il liberal-democratico Nike Clegg (sconfitto da un laburista) e Alex Salmond, ex premier scozzese ed ex leader del partito nazionale di Scozia, sconfitto da un conservatore.

In ogni caso, dopo queste elezioni,  il Regno Unito si presenterà in una posizione di debolezza negli imminenti negoziati con l’Unione Europea su Brexit. L’inizio delle trattative era previsto entro la fine di giugno, ma il commissario europeo per il bilancio, il tedesco Günther Oettinger, ipotizza un rinvio sostenendo che una discussione con un partner debole potrebbe portare a scarsi risultati. Un europeista convinto come l’ex primo ministro Enrico Letta, ha scritto su Twitter che il voto di ieri rappresenta un’altra “piccola vendetta” dell’Unione Europea  dopo il “terribile 2016” del referendum su Brexit.

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%