logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
Lavoro
 

Torna il lavoro, stiamo uscendo dal tunnel?

04/06/2015  Secondo l'Istat l'occupazione è aumentata dello 0,7 per cento, tornando ai livelli del 2012. Diminuisce anche la disoccupazione giovanile. Ma è presto per dire se si tratta di una tendenza stabile

(Il ministro del lavoro Giuliano Poletti con la moglie Anna)

I dati di aprile dell'Istat ci hanno regalato una notizia positiva: dopo i segni meno di febbraio e marzo, l'occupazione nel nostro Paese è aumentata dello 0,7 per cento, tornando ai livelli del 2012. Il Governo, comprensibilmente, esulta, anche perché l'Ocse parla di recessione finita e loda il Jobs Act: "la riforma sul lavoro ha il potenziale per migliorare drasticamente il mercato del lavoro"). La cautela però è d'obbligo. Lo stesso premier Renzi twitta che "c'è ancora molto da fare", in particolare sul piano del fisco (l'Italia ha ancora la pressione fiscale più alta d'Europa), nel campo della pubblica amministrazione e della giustizia civile.

L'Istat  ha segnalato un aumento mensile di occupati di 159 mila unità. la disoccupazione scende al 12,4 per cento (meno 0,2) e cala soprattutto l'occupazione giovanile, che si attesta al 40,9 per cento (meno 1,6). Tirano, tra i giovani, soprattutto le attività di franchising e la ristorazione. Per la prima volta in tre anni scendono anche i fallimenti trimestrali in Italia. E' quanto annuncia il Cerved, che indica una diminuzione del 2,8 per cento rispetto ai primi tre mesi del 2014, pari a 3.800 aziende. E' del 21,2 per cento invece la riduzione delle procedure non fallimentari. In totale sono 21 mila le imprese che hanno chiuso i battenti (meno 3,5 per cento). Su tutto il dato macroeconomico dell'aumento del Pil dello 0,3 per cento, finalmente, dopo sette anni, in territorio positivo. Ma se si pensa che rispetto al 2008 siamo sotto di 900 mila posti di lavoro, si capiscono tutte le ragioni della cautela. Per confermare i dati positivi di aprile bisognerà aspettare quantomeno i dati semestrali, come peraltro affermano i sindacati.

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo