logo san paolo
mercoledì 10 agosto 2022
 
Emergenza
 

Tornano ad aumentare i detenuti nelle carceri

28/07/2016  Secondo i dati dell'Associazione Antigone sono 54.072 mentre lo scorso anno erano 52.754. 18.908 sono i detenuti in custodia cautelare. Aumenta la percentuale degli stranieri

Siamo fortunatamente lontani dai dati record del 2010, quando si raggiunse la cifra di 67.961  detenuti nelle carceri italiane. Dopo i provvedimenti presi per arrestare, l’incredibile affollamento si era arrivati nel 2015 al numero di 52.754 detenuti. Ma quest’anno, secondo i dati al 30 giugno 2016 resi noti in un report presentato alla camera  dall’associazione Antigone, si registra un nuovo incremento con 54.072 presenze nelle nostre carceri, ovvero un aumento di 1.318 unità. Troppi considerato che  la capienza regolamentare secondo il Ministero della Giustizia è di 49.701 posti. Da tenere conto che  negli ultimi sei anni gli istituti penitenziari in Italia sono diminuiti da 209 a 193. Complessivamente sono 18.908 i detenuti in custodia cautelare, pari al 34,9% della popolazione detenuta, mentre il 30 giugno del 2015 erano 17.830, pari al 33,7% della popolazione reclusa. Dunque vi è stata una crescita dell'1,2. La crescita della popolazione detenuta, dovuta principalmente all'aumento degli stranieri, in particolare nella fase del primo giudizio, è - spiega l'associazione - «dunque l'esito dell'operato delle forze di Polizia e della magistratura più orientato al ricorso al carcere rispetto agli anni precedenti. Probabilmente c'è più leggerezza nell'uso della custodia cautelare ritenendo meno grave la condizione di affollamento delle carceri».  I detenuti stranieri sono 18.166, ovvero il 33,5% della popolazione reclusa, mentre l'anno precedente 17.207, con un aumento di 1.318 unità. Guardando alla nazionalità, i detenuti rumeni sono in forte calo percentuale, mentre aumentano quelli marocchini che sono il 17% del totale degli stranieri. Quanto all'appartenenza religiosa, sono in tutto 29.658 i detenuti che si professano cattolici, seguiti da 6.138 di fede islamica e da 2.263 ortodossi. Sono la Polizia penitenziaria sono 39  i detenuti radicalizzati. Antigone sottolinea che «contro la radicalizzazione va assicurata piena individuale libertà di culto» Secondo il dossier sarebbero 19.812 quelli che devono scontare una pena residua inferiore ai tre anni e che potrebbero accedere (almeno una parte di essi) alle misure alternative. Il 56,2% dei condannati in via definitiva deve scontare una pena breve facilmente sostituibile con una misura diversa dal carcere, anche considerato che solo 0,79% delle persone che nel 2015 scontavano una misura alternativa ha commesso un nuovo reato. Non è secondario, fanno notare gli autori del rapporto , che negli ultimi sei anni gli istituti penitenziari in Italia sono diminuiti da 209 a 193 per esigenze di razionalizzazione. Ultimo dato riguarda i suicidi: nel 2016  se ne sono registrati 23.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo