logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Caracalla, torna la magia

02/07/2014  È in pieno svolgimento la stagione estiva del Teatro dell'Opera di Roma, all'insegna della danza e della musica, inaugurata con la "Carmen" rivisitata dall'Orchestra di Piazza Vittorio.

Roberto Bolle, in scena a Caracalla la sera del 25 luglio
Roberto Bolle, in scena a Caracalla la sera del 25 luglio

Tornano le magiche serate di musica alle Terme di Caracalla, incomparabile scenario per gli spettacoli della stagione estiva del Teatro dell'Opera di Roma. Il programma (che secondo il Sovrintende Carlo Fuortes “combina popolarità ede eccellenza artistica”) è molto ricco e la nuova stagione vede quasi raddoppiare il numero di repliche delle opere liriche, che passano da 9 a 16, offrendo così più spettacoli ai romani e ai turisti di passaggio nella capitale.

La stagione è stata aperta il 24 giugno con una rivisitazione della Carmen di Georges Bizet secondo i musicisti dell'Orchestra di Piazza Vittorio. Sarà uno spettacolo tutto da scoprire, nel quale saranno esaltate le zone della partitura di forte ispirazione popolare. Grande curiosità per l'interprertazione dell'Orchestra di Piazza Vittorio, nata nel 2002, con l'auto-tassazione di alcuni cittadini, che ha creato posti di lavoro e permessi di soggiorno per bravi musicisti provenienti da varie parti del mondo. Questa Carmen rivisitata, fra l'altro, va in scena negli stessi giorni in cui al Teatro Costanzi è in cartellone (con repliche fino al 28 giugno) un applaudito allestimento della Carmen con la direzione di Emmanuel Villaume e la regia di Emilio Sagi.

La stagione di Caracalla prevede due opere di sicuro richiamo: la Bohéme di Puccini (debutto il 14 luglio, repliche fino al 9 agosto) diretta dal giovane Daniele Rustioni e con la regia di Davide Livermore; Il barbiere di Siviglia di Rossini (debutto il 23 luglio, repliche fino all'8 agosto) con Stefano Montanari sul podio e la regia di Lorenzo Mariani.

Non mancano i tradizionali appuntamenti con il balletto. Il 27 e il 28 giugno si esibisce il prestigioso The Tokyo Ballet, in uno spettacolo che prevede danze greche con la musica di Mikis Theodorakis, il Don Giovanni con musiche di Chopin su temi di Mozart e Le sacre du printemps di Stravinskij (con la coreografia di Maurice Béjart). Il Lago dei cigni di Ciajkovskij (5 spettacoli fra il 3 e il 15 luglio) è proposto dall'Orchestra e dal corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma. Gran finale con l'esibizione di Roberto Bolle and Friends, già applaudito la scorsa estate.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo