logo san paolo
martedì 24 maggio 2022
 
 
Benessere

Toto Cutugno canta per salvare i bambini

25/10/2016  Alcune canzoni sanno curare meglio di molte medicine. Lo sa bene il noto cantante protagonista di un progetto di lotta alla poliomielite.

Finirà che la musica sarà venduta nelle farmacie. Perché? Perché alcune canzoni sanno curare meglio di molte medicine. Non solo l’anima ma anche il fisico. Lo sa bene l’amato Toto Cutugno che, insieme agli altrettanto amati colleghi Al Bano, Fausto Leali e Sarah Jane Morris, è stato protagonista di un’iniziativa molto bella a sostegno del programma End polio now, istituito ormai da trent’anni dall’organizzazione Rotary international, cui si aggiunge la partecipazione della Fondazione Bill & Melinda Gates che verserà il doppio della somma raccolta a favore della causa benefica.
Lo storico interprete e co-autore de L’italiano, infatti, ha prestato la voce per il brano Le nostre mani il cui intero ricavato delle vendite servirà all’acquisto di vaccini anti-polio per i bambini di tutto il mondo. «Ho sempre pensato che i valori universali della musica s’identificano nei principi indissolubili di amicizia sincera», dice Cutugno, «rispetto reciproco, senso d’appartenenza a una grande famiglia, tolleranza delle diversità di religione e cultura. È per tutto ciò che aver collaborato alla scrittura di questo brano mi ha particolarmente entusiasmato anche per il forte significato racchiuso nelle tre parole del titolo». Un’iniziativa lodevole in cui l’arte aiuta la medicina ma anche viceversa. «Quel che è certo è che tre è il numero ricorrente. Tre, infatti, sono anche le vite che questa hit potrà salvare grazie a ogni download che sarà fatto dai negozi digitali».
Se per decenni, spesso dal palco del Festival di Sanremo, Toto Cutugno ci ha raccontato la nostra Italia, adesso è giunto il momento di puntare i riflettori sui bambini di tutto il globo. Tra un paracetamolo e una cura ricostituente, non dimenticate di acquistare quello che si appresta a diventare l’inno mondiale per la raccolta fondi a favore della lotta contro la poliomielite. «Ognuno di noi dovrebbe avere la spinta naturale verso tale traguardo». E se lo dice il Toto nazionale, non c’è medico che possa avere l’autorità per smentirlo.

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo