Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
nomine
 

Monsignor Russo a Velletri, monsignor Paolucci Bedini a Città di Castello, monsignor Parisi a Lamezia Terme

07/05/2022  Il Papa ha nominato tre nuovi vescovi. Ecco chi sono e in quali diocesi sono stati inviati pastori

Papa Francesco ha nominato vescovo della diocesi suburbicaria di Velletri-Segni monsignor Stefano Russo, finora vescovo emerito di Fabriano-Matelica e segretario generale della Conferenza episcopale italiana. Monsignor Russo è nato il 26 agosto 1961 ad Ascoli Piceno, nell’omonima diocesi e provincia. Nel 1990 si è laureato in Architettura all’Università di Pescara. Ha frequentato i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 20 aprile 1991 ha ricevuto l’ordinazione presbiterale presso la Cattedrale di Ascoli Piceno. Dal 1990 al 2007 è stato Presidente della Commissione arte sacra e beni culturali della diocesi di Ascoli Piceno e incaricato per i beni culturali ecclesiastici; dal 1990 è stato membro della Consulta e dal 1996 al 2005 incaricato regionale per i beni culturali ecclesiastici della Conferenza episcopale marchigiana; dal 1995 al 2005 ha coordinato le attività del Museo Diocesano di Ascoli Piceno. Dal 1999 al 2001 è stato amministratore parrocchiale di S. Pietro a Castel San Pietro (AP). Dal 2001 al 2005 è stato responsabile dell’Udtap, Ufficio diocesano che coordina gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico danneggiati dal terremoto.

Dal 2001 è stato membro e dal 2005 al 2015 responsabile del Comitato dell’Ufficio nazionale beni culturali ecclesiastici della Cei e vice parroco di San Giacomo della Marca. È stato inoltre membro della Commissione per i beni e le attività culturali della Regione Marche dal 2002 al 2005 e dal 2015 parroco dei Santi Pietro e Paolo ad Ascoli Piceno. Il 18 marzo 2016 è stato nominato vescovo di Fabriano-Matelica. Il 28 settembre 2018 è divenuto segretario generale della Cei reggendo ancora la diocesi di Fabriano-Matelica in qualità di amministratore apostolico fino al 27 aprile 2019. È inoltre presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena.

Il Papa ha nominato vescovo di Città di Castello monsignor Luciano Paolucci Bedini, vescovo di Gubbio, unendo le due Sedi “in persona Episcopi”. Monsignor Paolucci Bedini è nato il 30 agosto 1968 a Jesi, omonima diocesi e provincia di Ancona. È entrato nel Pontificio Seminario Regionale marchigiano Pio XI di Fano (PU) e ha conseguito il Baccellierato in Teologia presso l’Istituto Teologico Marchigiano. Il 30 settembre 1995 è stato ordinato sacerdote ad Osimo. Dal 1996 al 1999 ha frequentato l’Università Pontificia Salesiana a Roma, ottenendo la Licenza in Teologia. Ha svolto i seguenti incarichi pastorali: vicario parrocchiale di San Paolo Apostolo ad Ancona dal 1995 al 2004; direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano dal 1999 al 2011; docente di Catechetica e di Teologia Pastorale all’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Ancona dal 2001 al 2011; direttore dell’Ufficio Catechistico Regionale dal 2003 al 2010; vice rettore dal 2004 e dal 2010 rettore del Pontificio Seminario Regionale Pio XI di Ancona; assistente ecclesiastico Regionale dell’Agesci dal 2005 al 2010 e dal 2010 membro della Commissione Presbiterale Regionale. Eletto vescovo di Gubbio il 29 settembre 2017, ha ricevuto la consacrazione episcopale il 3 dicembre successivo. All’interno della Conferenza Episcopale Italiana è Membro della Commissione per l’Ecumenismo e il Dialogo.

Il Papa ha nominato vescovo della diocesi di Lamezia Terme monsignor Serafino Parisi, del clero di Crotone-Santa Severina, parroco e direttore della Scuola Biblica Diocesana. Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Mons. Parisi è nato il 3 gennaio 1962 a Santa Severina, in provincia di Crotone, arcidiocesi di Crotone-Santa Severina. Ha conseguito il Baccellierato in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma, la Licenza in Scienze Bibliche al Pontificio Istituto Biblico, il Dottorato presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale e la Laurea in Filosofia presso l’Università di Tor Vergata. È stato ordinato sacerdote il 25 aprile 1987. È stato parroco di Santa Maria Maggiore a Santa Severina; amministratore parrocchiale di San Tommaso d’Aquino ad Altilia e dal 1990 al 1994 parroco; vicario episcopale per la Pastorale e per la Cultura; membro del Consiglio Presbiterale Diocesano e membro del Collegio dei Consultori. Negli anni ‘90 è stato assistente diocesano dell’Azione Cattolica e direttore della Scuola diocesana di formazione socio-politica. È stato inoltre parroco di San Nicola Vescovo a Cotronei (1994-2000); parroco di Cristo Risorto a Steccato di Cutro (2000-2003); membro del Consiglio di amministrazione della diocesi; rappresentante della diocesi di Crotone-Santa Severina nella Commissione Presbiterale Regionale; vice presidente dell’Idsc; direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano; membro della Commissione Regionale Dottrina della fede e Catechesi. È docente di Greco del Nuovo Testamento, Ebraico ed Esegesi biblica presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli, giornalista pubblicista e direttore di Vivarium, Rivista di Scienze Teologiche. Finora è stato Direttore della Scuola Biblica Diocesana Bèt Jòseph e Parroco di S. Dionigi a Crotone

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo