Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Trillini: «Il segreto è l'organizzazione»

19/09/2013  L'ex campionessa di scherma, ora allenatrice, è sposata e ha due figli: «Quella che conta è la collaborazione».

Schermitrice, specialista nel fioretto, Giovanna Trillini, ha vinto quattro coppe del mondo (nel 1991, ’93, ’94, ’98) ed è stata la prima atleta donna a vincere due Ori nella stessa Olimpiade (Barcellona 1992). Sempre ai Giochi Olimpici ha vinto, a livello individuale, un argento (2004) e due bronzi (1996 e 2000). E in squadra un bronzo (2008).

Vive a Jesi, ha 42 anni, è sposata con due figli, una femminuccia di 8 anni e un maschietto di 4. Dopo l’esperienza di atleta ora fa il tecnico.


Riesce a conciliare famiglia e lavoro?

«Sì, è più un problema di organizzazione. L’importante è avere qualcuno accanto che ti aiuta».

Il suo compagno collabora con lei?

«Sì ma oltre a lui, ci sono anche i nonni che danno una mano».

Per una sportiva è più difficile conciliare entrambe le cose?
«Non credo. È difficile per tutte le donne che lavorano, sia per la sportiva che per chi fa un altro lavoro. Basta sapersi organizzare e poter contare sulla collaborazione degli altri. Se questa c’è, si riesce a fare molto».

Lei ha qualche trucco?
«No ne ho. Quando ci sono le difficoltà, poi ognuno tira sempre fuori un po’ più di forza. Adesso che i miei figli sono un po’ più grandi e vanno a scuola è più semplice perché sono impegnati per una parte della giornata».

Ha qualche senso di colpa o si rimprovera qualcosa?

«Onestamente no. Per fortuna non mi sono perso tappe fondamentali della loro crescita, sono riuscita sempre ad essere presente».

Qual è la sua giornata tipo?

«Sveglia alle 7, colazione. Prima si porta la più grande a scuola, poi il secondo che entra un po’ più tardi. Per le 8,30 sono tutti pronti e arruolati. Il pomeriggio mia figlia fa già attività sportiva e quindi sia io e mio marito le facciamo da autisti per portarla avanti e indietro. Insomma, non ci annoiamo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo