logo san paolo
mercoledì 30 settembre 2020
 
David di Donatello
 

Trionfo di Bellocchio

09/05/2020  Il Traditore si aggiudica il David di Donatello per il miglior film e la migliore regia. Al film di Bellocchio vanno anche altre 4 statuette tra le quali quella per il miglior attore protagonista (Pierfrancesco Favino). Cinque premi tecnici a Pinocchio, di Matteo Garrone. Il presidente della Repubblica augura a tutti che "il sogno del cinema possa continuare".

Il cinema italiano non ha rinunciato alla sua festa anche se con una cerimonia diversa dal solito per la consegna dei David di Donatello, con i candidati collegati a distanza e Carlo Conti in studio, ma altrettanto emozionante di quelle con il pubblico in sala. Anzi, con quel pizzico e umanità e intimità che entrare nelle case di attori e registi assicura: con l’incursione dei familiari, le mogli commosse, i bambini festanti.  A farla da padrone Il traditore, che si è aggiudicato 6 David: per il miglior film e la migliore regia, miglior sceneggiatura originale dell’ottantenne Marco Bellocchio (che ha ricordato di aver vinto altre tre David nella sua carriera), che ha augurato al cinema di ripartire presto assicurando che ha ancor l’entusiasmo per lanciarsi in altri progetti. E poi miglior attore protagonista a Pierfrancesco Favino nei panni del boss pentito Tommaso Buscetta, e come miglior attore protagonista a Luigi Lo Cascio, nei panni di Totuccio Contorno, che aveva vinto un David nel 2001 per l’interpretazione della vittima della mafia Peppino Impastato in I cento passi. Da notare anche il premio alla moglie di Bellocchio, Francesca Calvelli per il miglior montatore. 
Cinque riconoscimenti anche se minori a Pinocchio di Mattero Garrone (scenografia, trucco, costumi, acconciature ed effetti visivi) e tre a Il primo re (miglior produttore, fotografia suono). Migliore attrice protagonista a Jasmine Trinca, la dolente mamma di La dea fortuna di Ozpetek. Miglior attrice non protagonista a Valeria Golino interprete di 5 è il numero perfetto. 
Già annunciati in precedenza il premio per il miglior film straniero al coreano Parasite di Bon Joon (che aveva vinto anche quattro Oscar ela Palma d'oro a Cannes, e il David dello spettatore a Il primo natale di Ficarra e Picone, il film con il maggiore incasso nel periodo natalizio. E miglior regista esordiente Phaim BHUIYAN per il film Bangla (che Famiglia cristiana aveva intervistato) e il David giovani a Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani, migliore canzone originale “Che vita meravigliosa” musica e testi di Antonio Diodato, interpretata da Diodato per il film La dea fortuna, In collegamento il ministro della cultura Dario Franceschini che ha assicurato un impegno per la riapertura delle sale in sicurezza, a partire dalle arene estive.

Molto significativo il discorso che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto arrivare al premio, e che è stato letto all’inizio della manfestazione da Carlo Conti: ““Gentilissima Presidente” dell’Accademia del Cinema Italiano “Piera Detassis, con mio grande rammarico, quest’anno, per le ben note ragioni di sicurezza sanitaria, non è stato possibile organizzare al Quirinale la cerimonia di presentazione delle candidature ai David di Donatello. Desidero egualmente far pervenire a tutti i candidati e ai vincitori degli ambiti premi cinematografici i miei complimenti e i miei auguri più sentiti. Un saluto e un augurio particolarmente affettuoso a Franca Valeri“, vincitrice di “un premio alla carriera che esprime anche la riconoscenza degli italiani. Il mondo del cinema sta subendo, in misura particolarmente pesante, le conseguenze della terribile epidemia che si è abbattuta improvvisamente sulla nostra esistenza, sconvolgendone usi, abitudini, progetti e realizzazioni. E, a ben vedere, tutte le professioni, le arti e i mestieri che si nutrono e vivono di vicinanza, di prossimità, di contatto diretto tra le persone e con il pubblico sono oggi quelli più penalizzati dall’emergenza. Il cinema, come tanti grandi maestri italiani ci hanno insegnato, è l’arte del sogno. Un sogno che si realizza ogni volta, concretamente, con la collaborazione di tutta una filiera di professionalità – attori, registi, tecnici, sceneggiatori, pittori, scenografi, costumisti, musicisti e tanti altri – e che genera, a livello industriale, un notevole e importante indotto“, ha spiegato nella sua missiva il capo dello Stato. “E questo è il compito precipuo dell’arte, della creatività e degli artisti. Un compito alto, che la nostra Costituzione disegna all’Articolo 9, che affida alla Repubblica il compito di promuovere lo sviluppo della cultura e di tutelare il nostro patrimonio storico e artistico. Oltre a rinnovare le congratulazioni e gli auguri per i vincitori di questa edizione così particolare dei David di Donatello, vorrei, alla luce di quanto ho appena scritto, esprimere sentimenti di vicinanza e di solidarietà per tutti i lavoratori dello spettacolo – cinema, teatro, musica, lirica, danza – e alle loro famiglie che, in questo periodo, stanno compiendo sacrifici e affrontando pesanti difficoltà.  L’augurio o, se vogliamo, il ‘sogno‘ che vi affido con queste righe è che la imminente e complessa fase di rinascita economica, così come accadde dopo la guerra, con i capolavori del neorealismo, sia accompagnata da una nuova esplosione di creatività, di cultura, di arte e di bellezza. Ne avvertiamo davvero il bisogno. Auguri e grazie per la vostra opera!”.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%