logo san paolo
sabato 25 giugno 2022
 
il discorso
 

Trump s'insedia alla Casa Bianca ma sembra ancora in campagna elettorale

20/01/2017  Promette di sradicare il terrorismo islamico e di ricostruire l’America «con mani e lavoro americani». Il neo presidente giura come 45° presidente degli Stati Uniti e annuncia: «Da oggi tutto cambia. Il tempo delle chiacchiere vuote è finito, adesso arriva l’ora dell’azione»

Donald Trump sembra ancora in campagna elettorale. Il suo primo discorso da presidente, dopo il giuramento a Capitol HIll con la mano sinistra appoggiata alla Bibbia, descrive un’America quasi ridotta in macerie, in mano al detestato establishment dei politicanti di Washington. Ma da oggi, secondo Trump, tutto cambia e l’America tornerà più grande, più ricca, più sicura, più orgogliosa.

Trump parla per poco più di 16 minuti. Prima ancora di ringraziare Barack e Michelle Obama («sono stati magnifici») premette che c’è una nazione da ricostruire. L’ex palazzinaro di New York si rivolge direttamente ai cittadini, dice che quello di oggi non è solo il trasferimento di poteri fra due diverse amministrazioni, ma un trasferimento di potere da Washington “a voi, il popolo”.

Come aveva già fatto per tutta la campagna elettorale, Trump si scaglia contro l’establishment, che a suo avviso, in questi anni ha protetto se stesso ignorando i bisogni dei cittadini. «Ma da oggi», dice, «tutto cambia»  e aggiunge che il 20 gennaio 2017 «sarà ricordato come il giorno in cui i cittadini diventano nuovamente i governanti di questa nazione».

L'America va ricostruitia con mani e lavori americani

Nel suo discorso Trump descrive un’America afflitta dalla povertà, dal degrado del sistema industriale e delle infrastrutture, con un sistema scolastico a pezzi e le città ridotte a terreno di conquista per il crimine organizzato, le gang armate e gli spacciatori di droga. Lui promette di aggiustare tutto costruendo strade, autostrade, aeroporti, ponti e ferrovie. Ma nella sua visione questa America va ricostruita «con mani americane e con lavoro americano». «Compra americano e assumi americano», dice Trump, lasciando intendere che si annunciano tempi duri per i lavoratori immigrati. «La ricchezza della nostra classe media», aggiunge, «è finita nel resto del mondo».

Trump fa solo vaghi accenni ai temi di politica internazionale, ma azzarda una promessa: «eradicheremo completamente dalla faccia della Terra il terrorismo islamico». Al resto del mondo Trump fa capire che da oggi in poi conteranno prima prima di tutto gli interessi americani. “America first”, ripete, aggiungendo che l’America ha sbagliato a difendere i confini di altre nazioni senza difendere i confini nazionali.

Alla fine Trump si appella al “Creatore onnipotente” e assicura: «Il tempo delle chiacchiere vuote è finito, adesso arriva l’ora dell’azione». Fra poche ore, ormai nel pieno dei suoi poteri, Trump potrebbe già firmare degli ordini esecutivi per “congelare” alcune delle decisioni di Barack Obama, il quale ha lasciato Washington in elicottero, insieme alla moglie Michelle.

Multimedia
Da Washington a Parigi, il corteo globale delle donne contro Donald Trump
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo