logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
Francesco a Lesbo
 

Il Papa sui migranti: «Andrò anche a quel cimitero che è il mare»

16/04/2016  "Sono venuto per ringraziare il popolo greco per la sua generosità", ha detto papa Francesco appena arrivato in Grecia. E ricorda Lampedusa. Il premier Tsipras aveva sottolineato l'accoglienza che il suo Paese ha dato a chi fugge dalle guerre, "nonostante l'austerità". Tweet di Bergoglio: «I profughi non sono numeri».

«È un viaggio triste, andremo a vedere la più grande catastrofe dopo la seconda guerra mondiale», ha detto papa Francesco in aereo ai giornalisti volando verso Lesbo. E poi, appena sbarcato ha ringraziato «il popolo greco per la sua grande generosità».

Al premier Tsipras, con il quale ha avuto un incontro privato, il Papa ha ricordato il suo viaggio a Lampedusa e ha spiegato le ragioni della sua visita. Il premier greco, dal canto suo, ha sottolineato che bisogna intervenire per fermare le guerre nei Paesi d'origine dei migranti e che l'Europa non può costruire muri, ma deve dare dimostrazione di solidarietà. «Noi abbiamo accolto, nonostante la nostra austerità chi è arrivato da noi».

Ancora in volo il Papa aveva spiegato ai giornalisti che «nei viaggi apostolici si fanno tante cose, c'è sempre la gioia dell'incontro. Oggi no. E' un viaggio segnato dalla tristezza».

«Tanta gente che soffre», ha ricordato il Papa, che «non sa dove andare, ha dovuto fuggire. Andremo anche a un cimitero: il mare. Tanta gente è annegata».

«Lo dico», ha continuato il Papa, non per amareggiare ma perché il vostro lavoro possa trasmettere lo stato d'animo con cui faccio questo viaggio». 

«I profughi non sono numeri, sono persone: sono volti, nomi, storie, e come tali vanno trattati», aveva twittato durante il volo. Ricordando anche, nel telegramma al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l'impegno dell'Italia nell'accoglienza.

 

Multimedia
Lesbo, ultima spiaggia d'Europa
Correlati
I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo