logo san paolo
mercoledì 29 giugno 2022
 
 

Tunisia, islamisti in testa

24/10/2011  Ennahdha, il partito islamista moderato guidato da Rachid Ghannouci, vince oltre le previsioni. Ma non potrà controllare il Parlamento. La sorpresa "laica".

I risultati ufficiali non sono ancora stati annunciati, ma confrontando i dati in mano ai vari partiti e le loro ultime dichiarazioni, si possono cominciare a fissare i primi punti su queste storiche elezioni per il mondo arabo. Secondo tutti a vincere sarà Ennahdha, il partito islamista. Il movimento guidato da Rachid Ghannouci dovrebbe ottenere una maggioranza superiore alle stime.


     L'ultimo sondaggio (11 settembre) parlava del 22,8%, mentre in queste ore l'asticella si è alzata al 40%. Dunque una presenza preponderante ma non assoluta, che inserita nel sistema proporzionale puro scelto per formare l'Assemblea costituente non darebbe agli islamisti il controllo totale. Per saperlo con certezza bisognerà aspettare fino a martedì pomeriggio, termine fissato dall'Istanza superiore per le elezioni per l'annuncio dei risultati, anche se nel partito qualcuno parla già da vincitore: “Vogliamo rassicurare i nostri partner economici e commerciali e gli investitori - ha detto ai giornalisti Abdelhamid Jlassi, direttore dell'ufficio esecutivo di Ennahdha - Speriamo di tornare molto rapidamente alla stabilità e a condizioni favorevoli agli investimenti”.

     I primi dati rivelano però altre sorprese. La principale arriva dal Partito del Congresso per la Repubblica (Cpr), fazione laica, che mette al centro del proprio programma la giustizia. Il partito guidato da Moncef Marzouki, ex attivista dei diritti umani, per anni in esilio forzato sotto Ben Alì così come Ghannouci (uno in Francia, l'altro in Inghilterra), nell'ultimo sondaggio ufficiale era dato in quarta posizione con solo il 4,5% delle preferenze. Ora invece le proiezioni gli attribuiscono oltre il 10%. 

     Come molti altri partiti in gara, Marzouki ha ripetuto più volte di essere favorevole a un Governo di coalizione con tutte le forze politiche, anche con Ennahdha. “Una forza da cui nessuno può prescindere visti i risultati che abbiamo finora”, aggiunge Skander Handous, responsabile della campagna elettorale del Cpr. Chi invece ha sempre dichiarato opposizione agli islamisti è il Partito democratico progressista (Pdp), uno dei pochi ad essere considerato legale sotto Ben ali. I sondaggi lo davano in seconda posizione. Per loro è arrivata invece una doccia gelata. “La tendenza è molto chiara. Il Pdp è mal posizionato”, ha detto la segreteria del partito, confermando comunque la volontà di non partecipare a un governo di coalizione. 

     Comunque andrà, i 217 eletti dell'Assemblea costituente dovranno scrivere la nuova costituzione tunisina. E nominare un Governo che resterà in carica fino alle prossime elezioni parlamentari.

      La sorpresa dei partiti laici

     I primi dati rivelano però altre sorprese. La principale arriva dal Partito del Congresso per la Repubblica (Cpr), fazione laica, che mette al centro del proprio programma la giustizia. Il partito guidato da Moncef Marzouki, ex attivista dei diritti umani, per anni in esilio forzato sotto Ben Alì così come Ghannouci (uno in Francia, l'altro in Inghilterra), nell'ultimo sondaggio ufficiale era dato in quarta posizione con solo il 4,5% delle preferenze. Ora invece le proiezioni gli attribuiscono oltre il 10%. 

     Come molti altri partiti in gara, Marzouki ha ripetuto più volte di essere favorevole a un Governo di coalizione con tutte le forze politiche, anche con Ennahdha. “Una forza da cui nessuno può prescindere visti i risultati che abbiamo finora”, aggiunge Skander Handous, responsabile della campagna elettorale del Cpr. Chi invece ha sempre dichiarato opposizione agli islamisti è il Partito democratico progressista (Pdp), uno dei pochi ad essere considerato legale sotto Ben ali. I sondaggi lo davano in seconda posizione. Per loro è arrivata invece una doccia gelata. “La tendenza è molto chiara. Il Pdp è mal posizionato”, ha detto la segreteria del partito, confermando comunque la volontà di non partecipare a un governo di coalizione. 

     Comunque andrà, i 217 eletti dell'Assemblea costituente dovranno scrivere la nuova costituzione tunisina. E nominare un Governo che resterà in carica fino alle prossime elezioni parlamentari.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo