Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 
pastorale di frontiera
 

Il Vangelo tra ateliers e sfilate: anche la moda ha un'anima

06/11/2016  Si chiama Turris Eburnea. E' nata a Torino nel 1941. Oggi è presente anche a Milano, Genova e Roma. Storia (e attualità) di un'originale forma di apostolato. Che coniuga Parola di Dio, preghiera ed eleganza.

Annuncia e vive il Vangelo attraverso il linguaggio dell'eleganza. La Turris Eburnea getta radici in una fulminante battuta rivolta da papa Pio XI al cardinale Maurilio Fossati, prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale: «Mi dica eminenza, a Torino, capitale della moda, che cosa si fa in questo campo?». Il tempo di tornare in diocesi e l'arcivescovo nomina un giovane prete, don Michele Peyron, “cappellano degli ateliers e delle sfilate”.

L'associazione nasce ufficialmente nel 1941. Si chiama Turris Eburnea (Torre d'avorio, in latino): un voluto richiamo al linguaggio biblico del Cantico dei Cantici e le litanie mariane. Don Peyron invita le indossatrici a meditare ogni giorno. «E’ la meditazione che fa i santi. Se la donna non è un po’ come la Madonna – ripete più volte don Peyron – non è sulla strada giusta». Questo è un modello di femminilità, di purezza, di bellezza, caratteristiche che Dio mette nel cuore di ogni donna. Don Peyron partiva dall’ umano, dal concreto., dalla vita reale. «Quel ragazzo che ti ammira – diceva don Peyron - sappi che è importante conoscerlo a fondo».

Suscita sorpresa scoprire che tra il finire degli anni Trenta e gli anni Quaranta, la Chiesa si facesse carico di un mondo apparentemente così distante come quello della moda, a una lettura superficiale solo apparenza e seduzione. «L'originalità sta proprio qui – riflette Maddalena d’ Osasco, attuale animatrice della Turris Eburnea -, nel fatto che a Pio XI stesse a cuore anche quest’ambito della vita, a prima vista lontano, insidioso. Il fatto che avesse chiesto al cardinale Fossati come si potesse fare per avvicinare questo ambiente, dimostra una sua profonda attenzione ai tempi.  Don Peyron, dal canto suo, era appena stato ordinato sacerdote, era molto giovane ma non sprovveduto, aveva alle spalle robusti studi in giurisprudenza, era capace. Andava negli ateliers e cercava di dialogare con le indossatrici per far capire che la bellezza è un dono di Dio. Destinata a sfiorire, era importante guardassero anche i valori interiori. Il rischio del vivere per la bellezza era quello di essere superficiali anche nel costruire le relazioni con i ragazzi. "Ricordatevi – diceva- che l’ amore vero è fatto di stima, rispetto, sacrificio. Se un ragazzo non sa fare un sacrificio per te, vuol dire che non ti ama". Negli ateliers, quando andava, cercava di mettersi d’accordo con le sartorie per incontrare le ragazze che erano lì come indossatrici per far capire che la bellezza ha grande fascino ma è qualcosa di cui servirsi per il bene, senza dare illusioni. E’ un qualcosa di molto fragile ma è un talento al servizio di Dio».  

Come descrive don Peyron l’ inizio negli ateliers? 

«Sapeva di svolgere compiti delicati e più grandi di lui. Aveva sempre la consapevolezza e l’ umiltà di chiedere allo spirito santo di saggiare cosa dire, quella parola, quell’ altra parola. Aveva chiesto nel suo sacerdozio il dono di saper dire la parola giusta alle persone che avrebbe incontrato .Arrivava alla preghiera ma la prima cosa era costruire l’ umano, l’ equilibrio, la sapienza pratica, etica, l’ invito al non giocare con i sentimenti ma vivere in vista di una famiglia, come missione. Nel pieno della II guerra mondiale, tra bombardamenti e incursioni aeree, Turris Eburnea, continua la sua attività tra i pericoli e successivamente anche negli anni della Resistenza».

Cosa ricorda don Peyron di quegli anni?

«Seguiva semplicemente il messaggio evangelico verso le persone deboli. Questo dimostra la fede, il coraggio, l’ audacia di questo sacerdote in tempi di guerra., come lo spirito santo lo spingesse a non perdere le occasioni per portare avanti queste missioni. Nel frattempo era anche insegnante e “ cappellano del lavoro”: entrava nelle fabbriche, cercava il contatto diretto con gli operai».

Come è nato in don Peyron il progetto dei viaggi?
«E’ interessante il suo instancabile girare nel mondo per portare questa “parola giusta” sull’ idea di donna, di amore, di famiglia. Desiderava andare in Cina, un modo per arrivare là dove la Chiesa non aveva possibilità di andare. La strategia era il farlo attraverso un evento  che invece è stato molto capito, molto accolto, la sfilata di moda. Don Peyron era intervenuto dicendo in positivo tutto quello che Turris Eburnea aveva imparato dalla cultura cinese : “Siamo venuti qui anche per imparare e ci avete insegnato molto'. In tanti paesi mussulmani o protestanti Turris Eburnea dialogava su ciò che accomuna tutti gli esseri umani, la pari dignità tra uomo e donna. A proposito del discorso interreligioso nel ’67 ad Istanbul abbiamo incontrato Atenagoras, capo della Chiesa Ortodossa, negli anni di Paolo VI . C’ era sempre la fede nella provvidenza  per trovare i mezzi per organizzare questi eventi. Tutto era vissuto nella fede. Don Peyron non aveva mai i soldi e alla fine li trovava  per tutto. Metteva sempre il problema economico nelle mani della Madonna che, come ha moltiplicato il vino nelle Nozze di Cana, così per don Peyron  moltiplicava i mezzi per dei progetti voluti dall’ alto. Questo il sogno. Anche dopo la morte di don Peyron, nel ’93, si cerca di continuare in questa direzione. Uno dei viaggi più impegnativi è  stato quello che ci ha portato in Camerun e in Mongolia nel 2012». 

Oggi la Turris Eburnea conta 120 aderenti in Italia: una trentina di giovani dai 15 ai 25 anni per ognuno dei quattro gruppi attivi sul territorio a Torino, Roma, Genova, Milano. Di impressionante attualità rimangono le ragioni del nome, Torre d'avorio, che rimandano a Maria, al Rosario, agli appellativi con cui si loda la Vergine. Viene in mente la  Pietà, di fronte alla quale il Vasari si commosse per il candore di una Madonna giovanissima sul Calvario. Fu chiesto a Michelangelo perché la Madonna fosse così giovane. Il grande artista rispose che quando una donna è pura è sempre così giovane. La Turris Eburnea continua a insegnare che il corpo e la bellezza sono valori di cui non bisogna aver paura a patto di custodire un cuore puro, saldamente radicato in Dio, educato a discernere i tempi del sì dai tempi del no.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo