Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
 

Tutta la Marsica in Festival

06/05/2013 

«È una tavolozza di colori quella che ospita il Festival della comunicazione sociale». Il vescovo di Avezzano,monsignor Pietro Santoro, ha preparato la diocesi ad accogliere «un’opportunità nel cammino della nuova evangelizzazione che la Chiesa locale sta operando. Nuova evangelizzazione nel senso di ritorno alla passione delle origini, quella degli apostoli e, nello stesso tempo,di sviluppo di una passione nuova,quella di trasmissione nei linguaggi attuali del cuore della nostra fede che è la persona di Gesù Cristo».

È tutta la Marsica coinvolta nell’evento che, dal 5 al 12 maggio, porta in Abruzzo migliaia di persone. «Vogliamo che sia un evento che includa tutto il nostro territorio e che lo faccia conoscere», spiega Santoro. «La nostra è una terra di antica tradizione cristiana, con una grande realtà giovanile che, in questo momento di crisi, vive il rischio della sospensione della speranza. È un territorio che ospita antiche tradizioni lavorative come l’agricoltura, ma si è aperta anche a nuove potenzialità industriali. Quello di cui la popolazione ha bisogno è di riappropriarsi della speranza che viene dal Vangelo e di formare laici che sappiano spendersi dentro le nuove realtà virtuali per ritrasmettere con più passione e lucidità questa fiducia che ci viene dalla parola di Dio. Nel preparare questi giorni», continua Santoro, «abbiamo voluto incentivare la partecipazione di realtà culturali di tutto il territorio, cercando di dare voce a chi di solito non ce l’ha,come i detenuti. Abbiamo cercato di valorizzare le nostre bellezze naturali e artistiche. Nel cuore del Parco d’Abruzzo, disseminato di chiese ed eremi, natura, arte e dinamiche ecclesiali si intrecciano in una grande fecondità. E il Festival potrà aiutarci a tradurre tutto questo nei nuovi linguaggi».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo