logo san paolo
martedì 28 settembre 2021
 
Colloqui col padre
 

«Ora o mai più: cari cantanti, le parolacce non sono poesia»

15/02/2019 

Caro direttore, come ex insegnante di scuola media e catechista da 50 anni, mi sento di sottolineare la valanga di parolacce dette nella trasmissione Ora o mai più da cantanti che si ritengono musicisti, poeti, interpreti. Ritengo che non sia un linguaggio scurrile a vivacizzare una trasmissione televisiva, spettacolo che dovrebbe arrivare soprattutto ai giovani come messaggio educativo musicale.

UNA EDUCATRICE

Non ho visto la trasmissione in questione, ma non fatico a credere che sia stata infarcita di turpiloquio. Come avviene spesso. Anche a me quest’uso delle parolacce, della volgarità, dà molto fastidio. Specialmente quando non ha alcuna giustificazione. Purtroppo il cattivo esempio viene sempre più dall’alto, anche da personaggi pubblici che, in questo modo, aumentano l’involgarimento di questi nostri tempi. Non si tratta di fare i moralisti, ma di contribuire a rasserenare la nostra vita, contrastando già con le parole l’insulto facile, l’odio e la violenza che, da verbale, potrebbe facilmente diventare fisica. San Giacomo, nella sua lettera, ha usato parole forti su questo: «Se qualcuno ritiene di essere religioso, ma non frena la lingua e inganna così il suo cuore, la sua religione è vana... La lingua nessuno la può domare: è un male ribelle, è piena di veleno mortale. Con essa benediciamo il Signore e Padre e con essa malediciamo gli uomini fatti a somiglianza di Dio. Dalla stessa bocca escono benedizione e maledizione. Non dev’essere così, fratelli miei!» (1,26.3,8-10).

(nella foto: Toto Cutugno, protagonista di un recente diverbio televisivo con Donatella Rettore a Ora o mai più. Foto Ansa)

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%