logo san paolo
domenica 16 gennaio 2022
 
Lettera di un assassino
 

Uccise moglie e figli: "Non ricorro in Appello, merito l'ergastolo"

27/01/2017  Carlo Lissi, nel 2014, uccise moglie e figli a Motta Visconti. Condannato all'ergastolo, ha deciso che rinuncerà al secondo grado di giudizio, perché – ha spiegato – ritiene giusta la pena che gli è stata inflitta

La rincuncia al ricorso in Appello di certo non è un fatto usuale, in un sistema giudiziario in cui il processo in secondo grado è spesso la regola anche in casi molto meno gravi, e probabilmente avrà spiazzato, per la sorpresa, i giudici che si sono visti recapitare la lettera.

 

A scriverla alla Corte d’Appello di Milano dal carcere di Pavia, secondo quanto ha raccontato il Corriere della sera, è stato Carlo Lissi, che nel 2014 uccise moglie e figli a Motta Visconti. All’epoca, il 34enne perito informatico si era invaghito di una giovane collega, che non lo corrispondeva e il 14 giugno 2014 uccise la moglie Maria Cristina Omes e i figli Giulia, di 5 anni, e Gabriele, di 20 mesi. Dopo la strage era andato a vedere una partita di calcio.

 

Il 18 gennaio 2016 è stata pronunciata la sentenza di primo grado che l’ha condannato all’ergastolo. Sarebbe bastato che in Appello si dichiarasse l’equivalenza tra le aggravanti e le attenuanti o che si riconoscesse una seminfermità mentale, temi già entrati nel processo di primo grado, perché quell’ergastolo venisse ridotto. Ma Lissi ha deciso di no. Non ricorrerà, perché – ha spiegato – ritiene giusta la pena che gli è stata inflitta. Si è scusato con in giudici per la “perdita di tempo”.

 

In questo modo la sentenza diventa esecutiva, i giudici in questo caso non possono fare altro che prendere atto e far passare in giudicato la condanna all’ergastolo. Anche se, a un certo punto, i benefici di legge porteranno ad aprire uno spiraglio su quel “Fine pena mai” oggi così definitivo.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo