logo san paolo
sabato 16 ottobre 2021
 
A Mogadiscio
 

Ucciso per errore il ministro somalo cresciuto tra i profughi

04/05/2017  Abdullahi Sheikh Abas aveva 31 anni e guidava il ministero dei Lavori Pubblici. Una pattuglia di militari lo ha scambiato per un terrorista e ha aperto il fuoco.

È stata breve e poco fortunata la vita di Abdullahi Sheikh Abas, ucciso ieri a un posto di blocco a Mogadiscio, in Somalia. Abas era il ministro dei Lavori Pubblici, ma i militari di una pattuglia di sicurezza lo hanno scambiato per un terrorista, così hanno fatto fuoco sulla sua auto. “Il ministro è stato ucciso per errore. I militari hanno sparato sulla sua auto accidentalmente. Che la sua anima possa riposare in pace”, ha dichiarato Abdifatah Omar Halane, portavoce del sindaco di Mogadiscio. Il capo della polizia, Nur Hussein, ha detto che l’auto del ministro stava bloccando la circolazione in una strada. La pattuglia di passaggio pensava che a bordo ci fosse un terrorista suicida, uno dei tanti che colpisce a Mogadiscio, dove gli attentati  del gruppo terrorista al Shabaab, affiliato ad Al Qaeda, sono purtroppo una costante. Colpiscono ristoranti, hotel, personalità politiche, i militari dell’Unione Africana in missione di peacekeeping.

Abdullahi Sheikh Abas aveva solo 31 anni e nel novembre scorso era diventato il più giovane parlamentare somalo, dopo aver sconfitto nelle elezioni l’ex ministro dell’Informazione. In seguito era arrivata la nomina a ministro.

Abas era cresciuto nel gigantesco campo profughi di Dadaab, nel Kenya nord-orientale. Una esperienza simile a quella di altre centinaia di migliaia di somali che nel corso dei decenni sono fuggiti dalla siccità e dalla guerra civile. Gestito dall’UNHCR (l’Agenzia dell’Onu per i rifugiati), il campo di Dadaab accoglie attualmente 256.000 profughi. Decine di migliaia di loro sono tornati in Somalia grazie a un programma di rimpatrio assistito dall’ONU, ma la grave siccità che affligge il paese africano negli ultimi mesi ha sospinto verso il campo altre migliaia di somali.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%