Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Ucraina
 

Ucraina, voci della guerra

22/01/2015  La testimonianza audio del capo progetto italiano di Msf a Donetsk, dove la guerra fa ogni giorno vittime tra i civili. L'equipe di MSF era presente all'ultima strage, ecco il racconto.

Andrea Ciocca, capo progetto italiano a Donetsk, in Ucraina, per Medici Senza Frontiere.
Andrea Ciocca, capo progetto italiano a Donetsk, in Ucraina, per Medici Senza Frontiere.

Il documento che qui pubblichiamo, grazie alla testimonianza dei Medici senza Frontiere, dovrebbe farci riflettere tutti. Ci dimostra che la guerra è tornata nel cuore dell'Europa, in quella parte di Ucraina dove ribolle la rivolta filo-russa  e dove, dall'aprile scorso, sono già state uccise almeno 5.086 persone e altre 10.948 sono state ferite (fonti Onu).

Non possiamo nemmeno dire che si tratti di una "guerra dimenticata", visto che giornali e telegiornali ne parlano ogni giorno. Ma è semplicemente una guerra che nasconde interessi troppo grandi per essere fermata e coinvolge Paesi troppo importanti per essere fermata.

La testimonianza di questi cooperanti dall'inferno di Donetsk, città tra le più importanti dell'Ucraina, deve aiutarci almeno a prendere coscienza del fatto che i conflitti sono ormai intorno a noi, non più lontani.  E che la pace è un bene troppo prezioso per non sentirci tutti chiamati a promuoverla e a difenderla. 



I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo