Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
ucraina
 

Il cardinale Krajewski in viaggio verso Kherson con viveri e medicinali

23/06/2023  «La gente soffre in modo disumano, non c’è acqua e molte persone sono ancora sui tetti», ha detto l'Elemosiniere del Papa. Per lui si tratta della sesta missione nel Paese in guerra

«Il Papa è un padre e si preoccupa dei suoi figli»: con queste parole il cardinale Konrad Krajewski ha spiegato, all’alba della sua partenza verso l’Ucraina, la decisione del Pontefice di una nuova missione nel Paese dell’Est Europa, martoriato da mesi di guerra e, di recente, dalla distruzione della diga idroelettrica di Kakhovka.

Il viaggio, che come si legge in un comunicato del Dicastero per il Servizio della Carità avrà come tappa finale proprio la zona di Kherson, è il sesto compiuto dal porporato dall’inizio della guerra e mira, come i precedenti, a portare un aiuto concreto. «La gente soffre in modo disumano», ha detto Krajewski, «non c’è acqua e molte persone sono ancora sui tetti». L’alluvione della diga, infatti, ha causato l’inondazione di circa 80 villaggi e paesi, la distruzione di 20.000 ettari di terreni agricoli e la dispersione di oltre 150 tonnellate di petrolio sul territorio.

Il cardinale, che secondo la volontà del Papa farà visita anche alle varie comunità religiose tra Leopoli e Kherson, partirà a bordo di una macchina con i farmaci più urgenti, mentre i viveri e altri medicinali saranno trasportati da un tir e consegnati nelle zone più colpite. «Cristo ogni giorno cercava persone da aiutare», ha poi aggiunto Krajewski «e questo viaggio si inserisce nella logica del Vangelo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo