Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Niente medicine per i bimbi ucraini malati di cancro

15/04/2014  L'allarme lanciato dalla Ong Soleterre, attiva nel Paese dal 2003, che ha lanciato una raccolta fondi tramite Sms fino al 4 maggio.

Foto di Ugo Panella
Foto di Ugo Panella

Come sempre, quando su un Paese soffiano venti di guerra, i primi a farne le spese sono i più deboli. In Ucraina il nuovo Governo ha chiesto a tutti i ministeri, sanità compresa, tagli del 30% ai budget.  Per l’oncologia pediatrica la situazione rischia di diventare drammatica.  L'allarme è stato lanciato dalla Ong Soleterre, in Ucraina dal 2003 a fianco dei bambini malati e delle loro famiglie. Per i tumori infantili servirebbero 385 mln di grivne (25 milioni di euro) solo per coprire le spese dei farmaci. Il precedente Governo aveva stanziato solo l'equivalente di 3 milioni di euro a cui se ne dovrebbero aggiungere altri 12 a novembre, con la raccolta e distribuzione dei ricavi delle lotterie di Stato.  I medicinali per il 2014 però non sono ancora arrivati. Al reparto di oncologia pediatrica dell’istituto del cancro di Kiev, il principale del Paese, alcuni chemioterapici sono già finiti. Medici e responsabili della struttura non hanno notizie delle nuove forniture. 

Per questo Soleterre ha attivato fino al 4 maggio  la campagna di Sms solidale “Grande contro il cancro” che mira a sostenere il Programma Internazionale per l’oncologia pediatrica attivo anche in Ucraina.  Il cancro in Ucraina è la quarta causa di morte infantile. I tassi di sopravvivenza sono molto bassi rispetto agli standard europei (il 55% contro il 75-85%) a causa della carenza strutturale di medicinali e strumentazioni. Le diagnosi tardive sono numerose e i bambini spesso arrivano in ospedale con tumori in stadio avanzato. Senza farmaci saranno i primi a morire.   «Ci auguriamo che i fondi promessi dall’FMI – sostiene Damiano Rizzi  presidente di Soleterre - vengano utilizzati in primis per garantire alla popolazione ucraina i diritti fondamentali tra cui quello alla salute. Soleterre continuerà a intervenire, ma un’attività come quella oncologica e soprattutto nel Paese del disastro di Chernobyl, deve essere garantita prima di tutto dallo Stato».

 Sarà possibile sostenere Soleterre con l’invio di un Sms solidale da 2 euro al numero 45502 da cellulari personali Tim, Vodafone, Wind, Tre, PosteMobile, CoopVoce, Nòverca; oppure con una chiamata al 45502 da 2 Euro da rete fissa TeleTu e TWT o da 2 o 5 euro da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb.   Per saperne di più: www.soleterre.org.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo