logo san paolo
domenica 03 luglio 2022
 
dossier
 

Udine, una notizia sbagliata basta a scatenare odio e razzismo

06/07/2016  Una presunta rivolta (ma si trattava solo di una lite tra pakistani e afghani) da parte dei profughi all’ex caserma Cavarzerani della città scatena sui social una raffica di reazioni indignate e di commenti violenti. Un segnale preoccupante dal civilissimo Friuli

Il titolo era davvero preoccupante: “Profughi in rivolta alla ex caserma Cavarzerani (800). Sul posto Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del fuoco e Vigili Urbani che hanno formato un cordone di sicurezza”.
 Il motivo della “rivolta?” Qualità delle traduzioni, del cibo, dei posti letto. Solo che la notizia non è vera. Si, una protesta c'è stata, ma non una rivolta. Poi sulle motivazioni della presunta azione “rivoluzionaria” dei profughi e dei rifugiati, afghani e pachistani, lo scivolone è totale. Come ha fatto poi sapere la Croce Rossa, che gestisce il centro, il malcontento era stato generato dal fatto che le due nazionalità non si sopportano, non possono convivere sotto lo stesso tetto. Un fatto storicamente noto: i pachistani disprezzano e non tollerano gli afghani, che non fanno buon viso a cattiva sorte. I motivi sono storici e religiosi e hanno ragioni antiche e profonde. Una tensione che si sarebbe potuta evitare.
Ma la notizia è ormai battuta sulla pagina web del quotidiano locale, il Messaggero Veneto, e mette subito in agitazione Udine, una piccola, laboriosa e pacifica città del Nord-est.
Si crea tanta agitazione che sulla pagina facebook del quotidiano piovono, anzi grandinano, raffiche di commenti che hanno dell'incredibile, soprattutto nel civilissimo Friuli.

Ecco i commenti sulla bacheca Facebook del giornale

I soliti luoghi comuni sulla qualità della vita dei profughi

  

Commenti violenti, molto violenti. Al limite ‒ se non oltre ‒ di quel che prevede il codice penale. Qualche esempio? “La caserma è bella piena? Ora si può farla saltare in aria”. 
O ancora, “La benzina costerà anche cara, ma per un bel falò sono soldi ben spesi”. “Sono già lì, e allora giù di napalm”. “Gli facciamo recitare il Padre Nostro e se non lo sanno li sgozziamo”. E ancora “Bastonate a sangue”, “gas per tutti”, “chiudere le porte e aprire il gas”, “buttiamoli tutti in mare”, “una scarica di proiettili, così si calmano”, “facciamo un bel falò”, “Caricarli a suon di bastonate su carri del bestiame e mandarli a casa loro”, e così via per centinaia di commenti, in una escalation di violenza verbale senza freni. Un incitamento collettivo al linciaggio. 
Certo non mancano commenti meno sanguinari ma ugualmente preoccupanti. Persino l'idea della rivolta (che non c'è) passa in secondo piano a fronte di altre e più gravi preoccupazioni: “A Udine non si può più camminare: li trovi dappertutto!”. Un allarme, il preludio, al solito repertorio di luoghi comuni sulla qualità della vita dei profughi che, per molti, dovrebbero essere rispediti indietro, ai Paesi d'origine. 
Una manifestazione d'odio in piena regola, senza freni e senza vergogna, un po' come se i destinatari delle minacce nemmeno fossero esseri umani. Parole d'odio nate, però, dalla divulgazione di una notizia inesatta che finisce inevitabilmente per generare xenofobia, razzismo e intolleranza a carattere razziale. 
Una brutta storia, continuata anche il giorno successivo, con un titolo a tutta pagina che parla ancora di “rivolta” appena sotto il richiamo al rientro a Udine delle due vittime friulane della strage di Dacca unito a un appello a un maggiore impegno dell’islam moderato contro il terrorismo. Un richiamo sacrosanto, ma che nel contesto della comunicazione suona come una beffa.

I vostri commenti
19

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo