logo san paolo
sabato 16 ottobre 2021
 
Il Moige
 

Il film di Bertolucci: «Pericolosa tanta gratuita pornografia in prima serata»

21/01/2019  E' andata in onda in Tv in prima serata su RAI due la versione integrale del film scandalo L'Ultimo tango a Parigi di Bertolucci. Nessuna attenzione ai minori, quindi, tenendo presente il messaggio violento che trasmette questo film. Le giuste preoccupazioni del Moige il cui direttore dichiara che si tratta di «una gratuita provocazione da parte della nuova direzione alle famiglie italiane»

Ultimo Tango a Parigi torna in tv senza censure e in prima serata. Il capolavoro tra i più controversi di Bernardo Bertolucci con Marlon Brando e Maria Schneider, che nel 1972 costò al regista una condanna per offesa  al comune senso del pudore e la privazione dei diritti civili per cinque anni, sarà proposto oggi su Raidue alle ore 21,20 in versione integrale e restaurata. Una pellicola sequestrata più volte, condananta alla distruzione del negativo per oscenità dalla Cassazione nel 1976, riabilitata nel 1987, e oggi la decisione di mandarla in onda senza alcuna forma di tutela per i minori. La trama del film è nota: un uomo rimasto vedovo per il suicidio della moglie vaga nella Parigi malinconica e decadente degli anni ‘70 e si imbatte in una sconosciuta con cui intreccia una relazione violenta e ossessiva ad alto contenuto erotico.

Una scelta che porterà ascolti alla rete diretta da Carlo Freccero, che difende la decisione parlando di “cinema d’autore che ha abbandonato da tempo le sale, in favore di film di consumo tratti da fumetti e videogiochi e destinati a un pubblico adolescenziale”, ma che suscita  polemiche per via anche del politically  correct: c’è lo stupro, che non è condannato ma presentato come un atto di liberazione maschile.

 Segno dei tempi che cambiano? Tanti sono i dubbi, tante le critiche che questa decisione ha sollevato. Ne parliamo con Antonio Affinita, direttore generale del Moige, che si dichiara seriamente proccupato. «Abbiamo lanciato l’altro giorno l’allarme al Senato con l’indagine ‘Venduti ai minori’, in cui rientra anche l’accesso dei minori a visioni erotiche e pornografiche non congrue alla loro crescita e al loro sviluppo. La programmazione del nuovo corso di Raidue ci lascia alquanto perplessi e proccupati, perché non è realisticamente vicina alle famiglie italiane, non salvaguarda la sensibilità dei nostri figli mandando in onda in prima serata una pianificazione inadatta a un pubblico di minorenni, soprattutto in un momento particolarmente delicato come quello odierno in cui dobbiamo presidiare tutto il mondo di internet e dei social media, dove quotidianamente arriva ai nostri figli un’esplosione inaudita e gratuita di pornografia ed erotismo».

In risposta a Carlo Freccero che parla di cinema d’autore Affinita ribatte: «Ci tengo a sottolineare che noi siamo favorevoli ai film d’autore e al fatto che siano trasmessi senza censure, integralmente. Ma allo stesso tempo riteniamo che andrebbero presi degli accorgimenti a tutela dei minori, che sono in una fase fragile del loro sviluppo emotivo e caratteriale, come ad esempio la collocazione in una fascia oraria più congrua. Un film ad alto tasso erotico non può andare in onda in prima serata sulla tv pubblica pagata col canone di 16 milioni di abbonati. Dovrebbe essere collocato in seconda o in terza serata e chi ha il desiderio di vederlo non ha problemi perché può tranquillamente registrarlo. Il messaggio che passa di una tv di Stato poco attenta e provocatoria è ancora più devastante della sostanza stessa del film, che già si caratterizza per le immagini e i contenuti violenti e inadatti ai minori. È il messaggio culturalmente deviante che ci preoccupa di più».

E continua: «Questa programmazione non fa onore al nuovo corso di Raidue. Fare ascolti non dovrebbe essere la stella polare della scelta editoriale della rete pubblica. A nostro  avviso è una gratuita provocazione da parte della nuova direzione alle famiglie italiane. Non è un segnale dei tempi che cambiano, anzi  è un vecchio messaggio quello di trattare con modalità superate la cura dei minori. Una cura che dovrebbe essere il punto centrale di ogni emittente. Oggi non regge neanche più la scusa che la messa in onda in prima serata serve per arrivare al grande pubblico, visto che c’è la possibilità di registrare il film, di rivederlo in streaming».

 

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%