Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
 

Apprendisti, per 3 su 4 il posto fisso

15/04/2011  I giovani non trovano lavoro, ma le piccole aziende cercano invano 30mila tecnici

Negli ultimi 12 mesi l’occupazione giovanile è scesa ancora: per gli under 35 sono venuti a mancare oltre 430mila posti di lavoro, con un calo del 6,5%. Per chi ha compiuto i 35 anni, al contrario, si registra una piccola ripresa, con un 1,3%, pari a 209mila assunzioni. È quanto rilevato da Confartigianato sulla base dell’analisi dell’Osservatorio giovani imprenditori. La causa di questo divario sembra chiara: «In realtà le le aziende artigiane sono ancora alla ricerca di figure professionali specializzate – spiega il segretario generale di Confartigianato Cesare Fumagalli -: ne servono circa 30.000 tra periti tecnici, elettronici e chimici, ma negli ultimi due anni sono continuati a calare gli iscritti agli istituti tecnici. Insomma, mancano gli apprendisti». Perchè un dato è certo: chi forma un apprendista se lo tiene ben stretto e nella maggioranza dei casi al termine della formazione offre un contratto a tempo indeterminato. «Serve una valorizzazione dell’apprendistato, uno straordinario strumento forse mal interpretato – aggiunge Fumagalli -. Eppure è una ricetta potente: nel 75% dei casi l’apprendistato diventa un contratto stabile».

 

Occorre dunque guidare meglio la scelta formativa all’uscita della scuola primaria. A poco più di un mese dal termine dell’anno scolastico, quindi, i giovani sono invitati a riflettere sul proprio futuro: se si vuole un posto di lavoro stabile, meglio imparare un mestiere. Una scelta da non sottovalutare visti i dati sull’occupazione: nella fase della ripresa economica si è infatti ampliato il divario tra Italia ed Europa con il 24,7% dei giovani disoccupati nel nostro Paese contro il 18,9% della media Eurozona. Inoltre in Italia ci sono oltre due milioni di giovani tra i 15 e i 34 anni che sono inattivi per motivi diversi dallo studio e dalla formazione professionale, mentre al Sud il tasso di attività della popolazione tra 25 e 54 anni è del 37,6% e un uomo su cinque, tra i 25 e i 54 anni, non lavora.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo