Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
dossier
 

Un giorno di black out per dire "basta!" alla violenza

24/11/2023  Mama Chat, servizio online gratuito che accoglie le richieste di aiuto dalle vittime, oscurerà il proprio sito in segno di protesta contro l'inadeguatezza della politica e delle istituzioni nel contrastare un fenomeno che vede l'Italia tra i paesi europei con più femminicidi

L’Italia non è un Paese per donne: i 106 femminicidi registrati da inizio 2023 (uno ogni tre giorni) fanno del nostro Paese il fanalino di coda dell’Europa in tema di difesa delle donne, e la giornata del 25 novembre di quest’anno risulta sempre più vuota di significato in un’Italia che ha il triste primato di essere uno dei peggiori Paesi europei per violenza di genere. Guardando il 2023, i femminicidi commessi in ambito familiare e affettivo sono aumentati rispetto all’anno scorso e le storie si assomigliano purtroppo per straziante drammaticità. Il sistema, d’altronde, fa acqua da tutte le parti, a cominciare dall’applicazione del codice rosso che impone al pubblico ministero di sentire la parte offesa entro tre giorni per assicurare una tutela immediata della donna in pericolo. Donne che, nella stragrande maggioranza dei casi, dopo la denuncia vengono lasciate sole proprio da parte di chi le dovrebbe proteggere. Per questo  il 25 novembre, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne,  Mama Chat, associazione no profit in prima linea nel supporto psicologico a donne e ragazze, in segno di protesta sceglie il silenzio, mostrando piattaforma e social total black, e lancia un provocatorio “blackout” che non fa sconti a nessuno e punta il dito contro l’uso del 25 novembre come giornata di marketing, vuota e sempre più commerciale, poi rapidamente dimenticata con mancanze e omissioni nei confronti delle donne. 

Mama Chat per il benessere psicologico e la lotta contro la violenza sulle donne è il primo Ente Europeo a offrire assistenza psicologica online tramite psicoterapie low-cost e uno sportello chat gratuito e anonimo. Fondata da l 2017, ha accolto in cinque anni 37.000 donne, ragazze e ragazzi in fragilità psicologiche, sociali e vittime di maltrattamento e violenza di genere. Conta oltre 70 specialiste e specialisti, fra volontari e consulenti e terapeuti, disponibili sulla piattaforma online utilizzata da utenti e pazienti da tutta Italia. 
Mama Chat con  il suo “blackout” chiede alle Istituzioni di riferimento che si impegnino con massima urgenza sui seguenti temi:

•    Approvazione di programmi gestiti da associazioni riconosciute per l’educazione affettiva e sessuale nelle scuole così da formare nuove generazioni consapevoli ed estirpare la cultura dello stupro e del patriarcato 
•    Attuare subito lo sblocco dei finanziamenti ministeriali per iniziative di informazione e sensibilizzazione rivolte alla prevenzione della violenza maschile contro le donne (Decreto 4 febbraio 2022) affinché si concluda l’iter di valutazione, nonché di interventi educativi, tesi alla prevenzione del fenomeno della violenza attraverso il contrasto degli stereotipi di genere, la promozione di una cultura del rispetto tra uomo e donna, e la stigmatizzazione della violenza di genere. 

Multimedia
Tentazione di Giovanni Verga, la paura in audiovisivo
Correlati
Tentazione di Giovanni Verga, la paura in audiovisivo
Correlati
Scarpette rosse di ceramica in 56 città italiane contro la violenza sulle donne
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo