Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Un goal per la Memoria

27/01/2014  La Comunità Ebraica, l’Associazione Ipsia - Acli, il Memoriale della Shoah di Milano e le startup Sportboom e Sportilia.com annunciano la III Edizione della Coppa della Memoria in ricordo di Árpád Weisz

Árpád Weisz
Árpád Weisz

«Fatto sta che di Weisz, a sessant'anni dalla morte, si era perduta ogni traccia. Eppure aveva vinto più di tutti nella sua epoca, un'epoca gloriosa del pallone, aveva conquistato scudetti e coppe. Ben più di tecnici tanto acclamati oggi. [...] Sarebbe immaginabile che qualcuno di loro scomparisse di colpo? A lui è successo». Così Matteo Marani nel suo libro "Dallo scudetto ad Auschwitz" dedicato ad  Árpád Weisz, calciatore e allenatore ungherese di origine ebraica che in Italia vinse tre scudetti seduto sulla panchina di Inter (allora Ambrosiana) nel 1929/1930 e Bologna nel biennio 1935/1937. In fuga dall'Italia nel 1938 a seguito della promulgazione delle leggi razziali, prima riparò in Francia, poi nei Paesi Bassi: qui, in seguito all'occupazione nazista, venne catturato e deportato ad Auschwitz dove morì nel 1944. Proprio a Weisz è intitolata la terza edizione della Coppa della Memoria organizzata dalla Comunità Ebraica, dalle Acli di Milano e dal Memoriale della Shoah di Milano in collaborazione con Sportboom e Sportilia.com

Il torneo di calcio, previsto per domenica 2 febbraio presso l'Arena Civica Gianni Brera, sarà quanto mai espressione del moltiplicarsi di realtà culturali e religiose attive nell'ambito dell'associazionismo milanese: dall'Unione delle Chiede Valdesi ed Evangeliche al Coreis (Comunità religiosa islamica italiana), dal Centro I.R.D.A. ragazzi dell'arcobaleno alla Federazione Rom Sinti Insieme, dal CIG ai movimenti scoutistici ebraici Hashomer Hatzair e Bene Akivà. 20 in totale le squadre di calcio a 5 partecipanti suddivise in diverse categorie in base all'età. 

La premiazione delle squadre vincitrici si terrà alle presenza delle autorità delle associazioni coinvolte a partire dalle 17:30 presso il Binario 21 della stazione Centrale di Milano, luogo da cui partirono tra il 1943 e il 1945 i treni dei deportati ebrei diretti ai campi di sterminio, oggi Memoriale della Shoah a Milano. Durante l’evento la Comunità Ebraica consegnerà uno speciale riconoscimento a Matteo Marani (giornalista e autore del libro «Dallo scudetto ad Auschwitz. Vita e morte di Árpád Weisz, allenatore ebreo») e Federico Buffa (giornalista e autore del documentario «Federico Buffa racconta Árpád Weisz», trasmesso da Sky Sport nel 2013) che con i loro ritratti di Árpád Weisz hanno restituito a questo personaggio - ingiustamente caduto nell’oblio - il suo posto nella storia del pallone. Una targa di ringraziamento andrà infine a Sky Sport per aver donato alla videoteca della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea il documentario a cura di Buffa.

Multimedia
La casa-museo di Irena per ricordare la Shoah
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo