Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Sostegno alla ricerca
 

Un lascito testamentario per sconfiggere il cancro

25/03/2022  Fondazione Airc lancia la campagna per il testamento solidale, strumento di sostegno per il lavoro dei ricercatori impegnati a rendere il cancro sempre più curabile

AIRC è il primo finanziatore privato in Italia della ricerca oncologica. Insieme ai suoi sostenitori, da oltre 55 anni dà forza e continuità al lavoro dei ricercatori per identificare nuovi approcci per la prevenzione, la diagnosi e la cura del cancro. Il cancro colpisce più di mille persone ogni giorno: nel 2021 sono stati diagnosticati circa 377.000 nuovi casi di tumore e sono state stimate 181.330 morti, solo in Italia.  Oggi 3,6 milioni di italiani - 5,7% dell’intera popolazione italiana – vivono con una pregressa diagnosi di cancro, con un incremento del 36% rispetto a dieci anni fa, con un’aspettativa di vita paragonabile a quella di chi non si è mai ammalato.

DA 30 ANNI AIRC PROMUOVE UNA CAMPAGNA CULTURALE SUL LASCITO
Con una visione lungimirante, oltre trent’anni fa Fondazione AIRC si è impegnata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore del lascito testamentario attraverso campagne mirate e strumenti informativi a beneficio dei potenziali testatori. Dal 2022 AIRC fa parte di Testamento Solidale insieme ad altre non profit per contribuire a rafforzare il messaggio presso i potenziali testatori. Il lascito ad AIRC è un’eredità a beneficio di tutta la collettività.  Disporre un lascito oggi è un gesto concreto nel presente che guarda al futuro che si traduce in vite salvate, una scelta che ognuno può fare, indipendentemente dall’entità del patrimonio, per offrire ai proprio cari e alle nuove generazioni un futuro sempre più libero dal cancro. Dal 1977 al 2020 grazie alle donazioni da lasciti testamentari AIRC ha potuto destinare
-    oltre 83 milioni di euro per borse di studio per giovani laureati
che vogliono apprendere le basi della ricerca oncologica in laboratori italiani d’eccellenza 
-    circa 35 milioni di euro a progetti di ricerca innovativi per la prevenzione, la diagnosi e la cura del cancro

Nel 2022 oltre 17 milioni di euro sono stati destinati a IFOM centro di eccellenza internazionale per lo studio dell’oncologia molecolare fondato nel 1998 per comprendere le basi della formazione e dello sviluppo dei tumori a livello molecolare e trasferire le conoscenze al paziente nel più breve tempo possibile.  In IFOM lavorano circa 300 ricercatori di cui il 25% stranieri, provenienti da 26 Paesi europei ed extraeuropei, a riprova di come l’Italia possa essere attrattiva per i migliori cervelli, se la ricerca viene sostenuta da investimenti ingenti, che favoriscono ricerche coordinate e collaborazioni internazionali.

 

L’ESEMPIO DI AMEDEO NICOLAI IN RICORDO DELLA MOGLIE PIERITA 
Spesso un’esperienza personale diretta o indiretta con il cancro è alla base della scelta di disporre un lascito.  Il nostro donatore Amedeo Nicolai ha voluto ricordare l’amatissima moglie Pierita contribuendo al sostegno di una pluralità di progetti, tra i quali quello di Maria Paola Martelli, ricercatrice AIRC presso l’Università di Perugia. La Dr.ssa Martelli e il suo team stanno studiando il trattamento di una delle forme di leucemia mieloide acuta più frequenti nei pazienti adulti per mettere a punto un nuovo approccio 'senza chemioterapia'.

LA TESTIMONIANZA DEGLI AMBASCIATORI
Loretta Goggi “Considero la decisione di un mio lascito a Fondazione AIRC proprio come un ‘testamento spirituale’! Sono orgogliosa di poter assicurare a chiunque io ami, la possibilità di una ‘vita’ più lunga e felice grazie al mio sostegno alla ricerca”
Remo Girone “Diversi anni fa mi sono curato da un tumore ed è così che ho capito quanto siano importanti i progressi della ricerca. Sono orgoglioso di poter dare il mio personale contributo a chi ha fatto tanto per me con un lascito ad AIRC”
Giorgio Scita “Devo i risultati del mio lavoro alla generosità dei donatori… da ricercatore voglio ringraziare tutte le persone che continuano a sostenerci anche attraverso un gesto altruista come il lascito testamentario”.


È possibile ricevere la Guida al testamento di Fondazione AIRC con indicazioni tecnico-giuridiche spiegate in modo chiaro ed esaustivo e informazioni pratiche sulle modalità di redazione del documento.
Per avere informazioni e richiedere l'invio della Guida si può contattare il numero verde 800043043 o visitare airc.it/lasciti  
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo