logo san paolo
sabato 25 settembre 2021
 
Il libro-inchiesta
 

Un libro-inchiesta sull’Humanae vitae. «Profezia da rilanciare senza puntare il dito»

23/07/2018  «Oggi più che mai», afferma l’autore del volume Luciano Moia, «l’intuizione di Montini è giusta. Ma bisogna chiedersi perché il suo insegnamento, a cominciare dai metodi naturali, è stato disatteso»

Contestata e incompresa. Cinquant’anni fa, il 25 luglio 1968, Paolo VI firmava la sua settima e ultima enciclica, l’Humanae vitae. In occasione di quest’anniversario, Luciano Moia, giornalista di Avvenire e responsabile del mensile Noi famiglia & vita, nel libro Il metodo per amare. Un'inchiesta. L'«Humanae Vitae» cinquant'anni dopo (San Paolo) compie un’ampia ricognizione su un documento che ha posto al centro il tema (spinoso) della contraccezione analizzandone le questioni ancora aperte.

Qual è l’insegnamento di fondo dell’Humanae vitae che resta valido e che andrebbe rilanciato?

«Spesso si definisce quest’enciclica come la “profezia di Paolo VI”. In gran parte è vero. Papa Montini ha avuto il coraggio di rimettere al centro del tema sessualità-coniugalità il rapporto inscindibile tra amore e fecondità. Non era facile, viste le circostanze storico-culturali segnate da profonde contrapposizioni in cui l’enciclica è apparsa. E questa “profezia” appare oggi in tutto il suo valore di fronte alla crisi delle relazioni familiari, all’inverno demografico, alla manipolazione dei processi generativi, all’ideologia del gender pur tra tanti equivoci. Quando però Paolo VI tradusse questa grande intuizione antropologica sul piano normativo, cominciarono i problemi».

Questo perché sui “metodi naturali” l’insegnamento dell’Humanae vitae, e della Chiesa in generale, è stato ed è tuttora ampiamente disatteso, anche dai cattolici. Bisogna rinunciare a riproporre la questione?

«Nient’affatto. La Chiesa non si stanca di indicare l’obiettivo dell’amore indissolubile, unico, fedele e fecondo, metodi naturali compresi, come punto d’arrivo. Ma in Amoris laetitia papa Francesco ci ha spiegato che è necessario abbracciare debolezze e fragilità nella convinzione che ogni situazione familiare custodisca un “bene possibile” che va fatto crescere e sviluppare. Continuare a ribadire l’indicazione dei metodi naturali come strada esclusiva, serve a poco. Oggi il 98-99% delle coppie praticanti non è nelle condizioni di osservare quella norma. Bisogna comprenderne i motivi e agire di conseguenza».

Ma la conseguenza non rischia di diventare un atto di resa alla mentalità dominante in cui la sessualità, anche all’interno delle coppie stabili, è banalizzata e spesso ridotta a strumento?

«Il realismo cristiano ci impone di guardare in faccia la realtà che, su questi temi, è stata efficacemente riassunta dal doppio questionario dei due Sinodi sulla famiglia (2014-2015). Le risposte hanno evidenziato, a livello mondiale, una rimozione collettiva del problema contraccezione. Non si tratta solo di ignorare il dettato dell’Humanae vitae. E questo è palese. Ma il fatto è che su questi aspetti non ci si pone più alcun problema etico. Cosa fare? Puntiamo il dito contro la stragrande maggioranza delle coppie cristiane e le accusiamo di non aver capito? Troppo facile, ma anche ingiusto. Forse, proprio in occasione di questo anniversario, serve una serena e costruttiva autocritica».

Potrebbe essere questo il modo migliore, dal punto di vista pastorale, per ricordare il 50° anniversario della pubblicazione dell’Humanae vitae?

«Direi proprio di sì. Lo stesso Paolo VI aveva spiegato che la sua enciclica non andava considerata né infallibile né irreformabile. Consapevole, con la sua grande finezza umana e il suo intuito, che sarebbe stato necessario uno sviluppo per dare risposte sempre pregnanti. E allora, celebrando la grande intuizione di Montini, non è sbagliato chiederci come proseguire in quell’impegno pastorale. Magari formulando meglio una distinzione tra “atto” contraccettivo e mentalità contraccettiva, con un percorso che sia anche rispettoso della coscienza e della retta intenzione di due persone adulte che si amano e che, con verità e libertà, vogliono avanzare nel loro cammino di fede».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%