Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
Venezia
 

Fa un'offerta ai poveri, ma "prima gli italiani". E il parroco: "Se la riprenda"

04/03/2019  Nella busta col denaro era indicato "agli italiani in primis" e "gli stranieri per ultimi". Don Gino Cicutto, guida delle comunità parrochiali di Mira, nel Veneziano, risponde nel foglio parrocchiale: "slogan lontano dalla fede". E invita il donatore ad andare a riprendersi l'offerta.

chiesa di San Nicolò di Mira
chiesa di San Nicolò di Mira

Il parroco trova nella cassetta della Caritas una busta con un’offerta per i poveri, ma con la precisa indicazione di destinarla agli italiani e non agli stranieri. Il sacerdote risponde, amareggiato,  attraverso il bollettino parrocchiale: se è così passi pure a riprendersi l’offerta. 

   E’ accaduto nella comunità cristiana “San Nicolò-San Marco”,  di Mira, nel Veneziano. A rivelare il fatto è stato lo stesso parroco della collaborazione pastorale di Mira, don Gino Cicutto, che ha raccontato l’accaduto nel foglio parrocchiale del 3 marzo in un breve articolo intitolato significativamente “La carità vera”.  In esso esprime tutto il rammarico per trovarsi di fronte a un mal compreso senso della solidarietà e del prossimo che chiede aiuto. Scrive infatti: “Quanto era scritto sulla busta mi ha profondamente amareggiato e umiliato. C’era scritto: “Pro anziani, malati, al freddo o alla fame, italiani da sempre, in primis! Gli stranieri per ultimi!”. Queste parole ripropongono slogan che siamo abituati a sentire, ma non hanno niente a che fare con la fede e la vita cristiana che considera i più poveri tra i primi, senza guardare il colore della pelle o la provenienza”.

   E continua don Cicutto, rivolgendosi direttamente al donatore: “La persona che ha scritto queste parole deve interrogarsi seriamente sul suo essere cristiano e se non è d’accordo su quello che è la vera carità, può passare per la canonica a riprendersi la sua “offerta”; eventualmente può consegnarla a chi la pensa come lui, ma non deporla davanti al Signore”.  Un ammonimento e una lezione che richiama direttamente al senso evangelico della carità cristiana che,  come limpidamente indica la parabola del buon samaritano, si prende cura del bisognoso senza chiederne la carta d’identità o il passaporto. "Le parole che ascoltiamo o che leggiamo  - scrive ancora il sacerdote - ogni giorno hanno la forza di incidere sulle coscienze e di rovinare quel patrimonio cristiano che il Vangelo continua a donarci e la Chiesa non si stanca di proporre con gioia e con forza".

   

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo