logo san paolo
lunedì 21 giugno 2021
 
 

L'esercito che fa il pane

15/08/2013  I militari, in Egitto, sono una potenza economica, con fabbriche e investimenti. Ecco com'è nato l'esercito imprenditore che oggi controlla il Paese.

Soldati dell'esercito egiziano (Reuters).
Soldati dell'esercito egiziano (Reuters).

I militari, sempre loro. Nulla accade in Egitto se gli uomini con le stellette non sono d’accordo. Certo, di stellette bisogna averne tante, come quelle che ingombrano l’uniforme di Abdel Fattah al-Sisi, capo dell’Esercito e ministro della Difesa, oggi l’uomo decisivo al Cairo. Ma la sostanza è sempre quella: sono i soldati, nel bene e nel male, a decidere per tutti.

Le cose vanno avanti così dal 1952, da quando il golpe dei Liberi Ufficiali portò al potere il colonnello Nasser. Poi toccò a Sadat (presidente dal 1970), che si era diplomato alla Regia accademia militare del Cairo, e infine a Mubarak (1981), che aveva fatto carriera nell’Aeronautica. Le cose, come sappiamo, non sono cambiate granché con la Primavera araba del 2011 e la cacciata di Mubarak: la transizione è stata gestita dal (nientemeno che) feldmarescialloAl Tantawi, e la parentesi durata un anno della presidenza Morsi si è chiusa pochi giorni fa con l’intervento del generale al-Sisi, duro quanto basta a dispetto del cognome dal suono gentile.

Nel frattempo, i soldati hanno pacificamente ma definitivamente invaso ogni settore della vita sociale. Per cominciare sono tanti: mezzo milione di uomini in servizio effettivo e altrettanti nella riserva. Per mantenerli, lo Stato egiziano spende il 5% del Prodotto interno lordo (cioè della ricchezza nazionale) e si fa pure dare una mano dagli Usa, che ogni anno regalano ai militari 1,7 miliardi di dollari di “aiuti”. È vero, con quei soldi gli egiziani comprano carri armati e bombardieri made in Usa. Resta però il fatto che le forze armate sono il maggior datore di lavoro dell’intero Egitto.

Non solo in virtù del numero. Fu Nasser a stabilire, nel clima socialisteggiante degli anni Cinquanta, che ogni fabbrica militare dovesse avere anche un settore dedito alla produzione civile. Concorrenza sleale, slealissima, perché queste possono impiegare gratis, e per sei mesi, i giovanotti chiamati alla leva. In più, i prodotti delle forze armate non pagano tasse. Così, oggi, i militari sono leader assoluti nell’edilizia e protagonisti nei settori dei generi alimentari, delle automobili, del cemento e della benzina. Il ministero della Produzione militare, da solo, ha più di 40 mila dipendenti.

Usando le armi, ma soprattutto distribuendo pagnotte,
 l’esercito è diventato la forza decisiva della società egiziana. E il de profundis politico del presidente islamista Morsi è arrivato non quando l’hanno arrestato ma due giorni prima: quando l’esercito ha aperto gratis le porte dei suoi supermercati alla gente che protestava in piazza Tahrir.

Multimedia
Egitto in fiamme. I cristiani copti si chiedono se c’è un futuro per loro.
Correlati
Egitto, giorni di sangue: più di 500 i morti negli scontri
Correlati
Egitto in fiamme. I cristiani copti si chiedono se c’è un futuro per loro.
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%