Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
 

Un posto nella società per le vittime della tratta

17/09/2013  14 donne hanno spezzato le catene dello sfruttamento grazie a un progetto di Associazione On The Road, Associazione Free Woman e Regione Marche

Hanno spezzato le catene che le tenevano imprigionate in una vita di sopraffazioni e umiliazioni quotidiane. Si sono lasciate alle spalle un passato doloroso. Oggi 14 donne, 14 ex prostitute straniere vittime di sfruttamento sessuale e della tratta di esseri umani, hanno concluso un percorso di reinserimento nel tessuto sociale ed economico. Otto di loro hanno già trovato un impiego "normale".

Si è concluso quindi con una nota decisamente positiva il progetto, lungo 15 mesi e partito nel 2011, "Work - Fare: Costruire percorsi d'inclusione socio-lavorativa per futuri cittadini", finanziato dalla Regione Marche e messo in atto dall'associazione Free Woman e da On The Road, organizzazione da anni impegnata nel reinserimento sociale di vittime della tratta di esseri umani.

Obiettivo fondamentale del progetto è stato promuovere nelle partecipanti una maggiore coscienza dei propri diritti e, soprattutto, delle loro possibilità di autodeterminazione, ancor prima che acquisire conoscenze linguistiche e competenze tecniche che valessero come credenziali in vista di un futuro lavorativo.

Naturalmente una parte qualificante del percorso di riabilitazione e reinserimento è stata rappresentata dal confrontarsi con una routine del lavoro fatta di nuove tempistiche, sia comportamentali sia attudinali: perciò è stato previsto per ognuna delle partecipanti un percorso personalizzato, che constava di un'attività formativa di affiancamento e di partecipazione sotto tutoraggio all'attività produttiva.

Infine, oltre alla soddisfazione per la buona riuscita del programma, va sottolineato come la collaborazione tra soggetti istituzionali e non del territorio si sia rivelata vincente. La comunità ne è uscita rafforzata grazie a una programmazione negoziata e partecipata. Questa comunità, oggi, può annoverare al suo interno quattordici nuovi membri.

Per maggiori informazioni consultare i siti: www.freewoman.it e www.ontheroadonlus.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo