logo san paolo
lunedì 25 ottobre 2021
 
ECONOMIA
 

Punto per la Ferrero, Bruxelles ferma gli spot anti-Nutella

03/06/2017  La Corte d'appello della capitale belga ha dato ragione al gruppo di Alba, stravolgendo la sentenza di primo grado e ordinando al gruppo Delhaize di cessare la pubblicità sulla cioccolata spalmabile certificata "senza olio di palma". Nel ricorso, la Ferrero accusava la campagna di essere "menzognera, ingannevole, denigratoria".

Un punto per la Ferrero. Nel nome della Nutella. La nona sezione della Corte d'appello di Bruxelles ha dato ragione al gruppo di Alba, stravolgendo la sentenza di primo grado emessa nel 2015 e ordinando al gruppo Delhaize di cessare la campagna sulla cioccolata spalmabile certificata "senza olio di palma". I giudici, in particolare, hanno intimato alla catena di supermercati belga di rimuovere la campagna per il prodotto della propria marca, se non vuole incorrere in una multa di 25.000 euro per infrazione (che si tratti di un’immagine su carta o via web), fino ad un massimo di 1 milione di euro.

Ferrero accusava la campagna della società belga di essere "menzognera, ingannevole e denigratoria" verso Nutella. Ferrero lamentava il fatto che l'aver diffuso indicazioni allarmanti sull'olio di palma (a suo dire, false) aveva causato disorientamento tra gli acquirenti-consumatori di Nutella, con conguenze di mercato pesantemente  negative, finendo per denigrare il prodotto. I giudici di Bruxelles hanno dato ragione a Ferrero in una sentenza di una settantina di pagine, parlando di indicazioni ambientali e di salute illegali, poiché “non verificabili e quindi non oggettive”. In particolare, secondo la Corte d’Appello, Delhaize fa un riferimento illegale a dei medici. Facendo passare il messaggio che l’olio di palma sia in qualche modo dannoso per la salute, il gruppo belga ha “alterato il comportamento dei consumatori”, da qui una forma di concorrenza sleale nei confronti del diretto concorrente Ferrero.

Infine la Corte ha dato ragione a Ferrero anche sull’uso del nome “Choco” usato per commercializzare la crema belga: secondo i magistrati belgi il prodotto Delhaize infatti non contiene cioccolato e per questo non può riportare tale denominazione sulla confezione. Resta ora da vedere se Delhaize farà ricorso in Cassazione, sperando in qualche vizio di forma nella sentenza dei giudici d'Appello.

I vostri commenti
21
scrivi

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%