Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Un salmo che invita alla vendetta?

12/07/2012 

Ho difficoltà con il Salmo 149, che dice: «La spada a due tagli nelle loro mani, per compiere la vendetta fra i popoli...».

Irene D.

Il salmo è uno di quelli in cui insieme all'aspetto celebrativo emerge il risvolto nazionalistico, in particolare qui si fa menzione dei "fedeli" (in ebraico, hasidim), un gruppo devoto e militante che all'interno del popolo di Israele si sente investito della missione di combattere contro gli attacchi del nemico: essi lodano Dio con la bocca, ma lo servono anche partecipando alla lotta perché si realizzi il giudizio divino sulle nazioni straniere che opprimono Israele (la "spada a due tagli" era l'arma più micidiale), e favorire così la venuta del Regno di Dio. Nella rilettura cristiana occorre rimuovere dall'orizzonte il ricorso alla violenza (Gesù infatti invita ad amare anche i nemici - cfr. Mt 5,44; e per sé stesso rifiuta il ricorso alla spada per difendersi - cfr. Mt 26,52); semmai, come facevano già i padri della Chiesa, si può interpretare la spada a due tagli come la predicazione del Vangelo (Eusebio, cfr. Eb 4,12), o come il giudizio divino (Ilario, cfr. Ap 1,16).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo