Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Un sms per i bambini maltrattati

20/10/2010  Fino al 31 ottobre è attiva la campagna solidale per Caf onlus, da trent'anni al fianco dei minori soggetti a violenze. Non solo accoglienza, ma anche aiuti alle famiglie.

    C'è tempo fino al 31 ottobre per contribuire alla raccolta fondi di Caf onlus, il Centro di aiuto al bambino maltrattato e alla famiglia in crisi, che ha sede a Milano (www.cafonlus.org): basta inviare un sms del valore di 2 euro inviato al numero 45502, .

    La nascita del Caf risale al 1979, quando fu il primo centro privato in Italia ad assicurare accoglienza e cure ai bambini vittime di abusi e di maltrattamenti. Da allora più di 800 minori sono stati così sottratti a violenze fisiche e psicologiche, sotto la presidenza di Gustavo Pietropolli Charmet, noto psichiatra da sempre dedito al mondo dei minori e degli adolescenti.

    Tre sono i settori di intervento del Caf: l'accoglienza e il recupero dei minori nelle tre comunità di Milano; gli interventi domiciliari volti a prevenire il manifestarsi di maltrattamenti in famiglia; i molti progetti a sostegno delle famiglie, dal centro di aiuto per le mamme ai servizi di diagnosi e terapia familiare.

    Per continuare la propria opera a sostegno dei bambini più sfortunati (si calcola che in Italia 700.000 minori siano a rischio maltrattamenti), il Caf ha così lanciato questa campagna solidale, realizzabile attraversi cellulari Tim, Vodafone, Wind e 3, o tramite un cellulare di rete fissa Telecom Italia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo