logo san paolo
mercoledì 28 febbraio 2024
 
FEDE E TV
 

Un testimone convincente e attuale, successo di don Puglisi su Rai1

30/05/2023  Mandato in onda lunedì 29 maggio, in seconda serata, sulla rete ammiraglia della Rai,. "Me l'aspettavo - Il sorriso di Don Puglisi", il documentario prodotto da Officina della Comunicazione in collaborazione con Rai Documentari, è stato visto da quasi un milione di persone

E' stato visto da quasi un milione di spettatori, lunedì 29 maggio, in seconda serata su Rai1, "Me l'aspettavo - Il sorriso di Don Puglisi", il documentario prodotto da Officina della Comunicazione in collaborazione con Rai Documentari. Un grande successo per il nuovo lavoro che ripercorre la vita di don Pino Puglisi nel trentennale della sua uccisione ad opera della mafia e nel decimo anniversario della sua beatificazione.

"Il successo straordinario del documentario “ Me l’aspettavo - Il sorriso di Don Puglisi “ che ha raggiunto il 9,2% di share sfiorando 1 milione di telespettatori, è una conferma del valore di Rai Documentari. Unire le forze creative e produttive del Servizio pubblico qual è la Rai e dell’imprenditoria audiovisiva giovane come Officina della Comunicazione è una scelta strategica vincente. Inoltre questo tipo di documentari che mi auguro possano proseguire, permettono anche la valorizzazione del patrimonio storico e storico-audiovisivo del nostro Paese", ha dichiarato monsignor Dario Edoardo Viganò, Vice Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e Presidente della Fondazione MAC – Memorie Audiovisive del Cattolicesimo.

"Sono particolarmente felice per il risultato conseguito, che testimonia l’apprezzamento del pubblico di Rai1 per il genere documentario, quando questo riesce a portare all’attenzione storie esemplari e appassionanti come quella di Don Puglisi. Il documentario si conferma essere un linguaggio necessario per il Servizio Pubblico, capace di raccontare e amplificare a livello nazionale i personaggi che ci rendono orgogliosi e ci mostrano modelli virtuosi”, ha puntualizzato dal canto suo Fabrizio Zappi, direttore di Rai Documentari.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo