Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 16 giugno 2024
 
 

Vendemmia solidale, diversamente doc

11/10/2012  Ha preso il via la seconda edizione di un progetto promosso dall'Anffas di Udine e da un'azienda agricola del posto per l'inserimento lavorativo di disabili nel settore vinicolo.

Accade d'ottobre, in Friuli. Quando il sole cala dietro le colline al termine di una dura giornata di vendemmia, nonostante le braccia e la schiena indolenzite, la soddisfazione è palpabile mentre si osservano i cumuli di grappoli raccolti. Una soddisfazione qualitativamente superiore la devono aver provata di sicuro tutte le persone coinvolte nella seconda edizione di Diversamente Doc, il progetto promosso dall'Anffas di Udine e dall'azienda agricola Giorgio Colutta di Manzano, per favorire l'inserimento lavorativo nel settore vitivinicolo di persone con disabilità intellettiva e relazionale.

Anche perché, rispetto all'anno scorso, è stato coinvolto un gruppo più ampio di persone – una decina di ragazzi, in qualche caso provenienti anche da località più lontane da Udine, come Tolmezzo – a testimoniare la buona riuscita della prima edizione. Inoltre i ragazzi protagonisti del progetto, dopo aver raccolto ai primi di ottobre circa 20 quintali di uva rossa in compagnia del personale dell'azienda e di alcuni volontari dell'Anffas, quest'anno seguiranno anche la fasi successive della preparazione del vino: dalla spillatura all'imbottigliamento, al packaging e all'assemblaggio delle confezioni. Sempre a proposito di novità rispetto all'anno scorso, nel 2012 sarà prodotto il Refosco dal peduncolo rosso Doc Colli Orientali del Friuli, e non più il Friuliano. Il ricavato delle vendite sarà destinato alla continuazione del progetto nonché alle iniziative formative sulle abilità integranti delle persone con disabilità.

«Ci teniamo molto a sostenere la problematica dell'inserimento lavorativo di queste persone in un quadro legislativo che purtroppo non lo favorisce affatto, soprattutto nel settore agricolo», ha dichiarato Cristina Schiratti, presidente dell'Anffass di Udine. «Per ottenere l'inserimento lavorativo, infatti, la persona con disabilità si dovrebbe recare autonomamente al posto di lavoro, eppure tutti sanno che nella nostra Regione le aziende agricole sono in campagna e non raggiungibili agevolmente con i mezzi pubblici. Poi è necessario dare la possibilità a questi ragazzi, una volta completato il percorso scolastico, di acquisire le competenze indispensabili per inserirsi in un contesto lavorativo e un bagaglio di specifiche abilità tecnico-professionali nel settore, attraverso attività didattiche in aula, in laboratorio e stage in azienda».

Per questa ragione, Anffas Udine terrà un corso di formazione intitolato "Tecniche di fruttiviticoltura", a partire da fine ottobre fino a maggio 2013, che sarà realizzato dal Centro di formazione professionale della Cooperativa sociale Trieste Integrazione.
Per maggiori informazioni consultare il sito: www.anffas.net

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo