logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
 

Milano, una Chiesa capace di accogliere tutti

24/02/2017 

“La gioia del vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù”. Inizia così l’esortazione apostolica Evangelii Gaudium ed è con questa gioia nel cuore che ci prepariamo ad accogliere Francesco nella nostra diocesi.

Il sussidio di preparazione per la visita di Francesco dice che “Milano è terra ambrosiana, dove l’aggettivo “ambrosiano” suona come sinonimo di accoglienza”: accogliere sia dunque la parola che ci accompagni “in questo tempo che ci separa dal 25 marzo, a svolgere un cammino che prepari i cuori ad accogliere quanto ci sarà donato di vivere”.

Francesco ci ricorda che il cristiano è una persona che accoglie, accogliere significa fidarsi, abbattere i propri muri per riuscire ad intravvedere la pienezza dell’amore, accogliere è fare lo sforzo di aprire le porte di casa, le porte del cuore, aprire i propri confini a chi viene a bussare: ecco, Francesco viene a bussare alle porte delle nostre case, viene a casa nostra chiedendo di accoglierlo nella semplicità.

“Com’è bello immaginare le nostre parrocchie, comunità, cappelle, dove ci sono i cristiani, non con le porte chiuse, ma come veri centri di incontro tra noi e Dio. Come luoghi di ospitalità e di accoglienza“. (Francesco, 12 luglio 2015). Apriamo il nostro cuore e accogliamo la parola di Francesco e raccogliamo il suo invito: “Gesù non cessa di accogliere e di parlare con tutti, anche con chi non si aspetta più di incontrare Dio nella sua vita”. Solo così saremo “Chiesa dalle porte aperte”.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo