logo san paolo
domenica 14 agosto 2022
 
Il Teologo
 

Una “condanna morale” dell’attività venatoria?

20/05/2016  È così immorale la caccia? Non lo sono di più i pesticidi in agricoltura? Risponde il teologo Lorenzetti.

MARIO B. Il teologo Lorenzetti ha scritto che la caccia è «uccisione barbara e gratuita dell’animale», lasciando intendere una “condanna morale” dell’attività venatoria. Ma non sono più immorali i pesticidi in agricoltura o gli allevamenti intensivi?

La Chiesa (magistero) non intende colpevolizzare nessuno. Non indulge a una precettistica del permesso/proibito; in base al Vangelo della creazione, è suo compito formare anzitutto a un atteggiamento che si compendia nell’amore- rispetto-giustizia verso il Creato e tutte le creature, animate e inanimate. In riferimento a questo principio fondamentale (valore, scelta), ognuno può comprendere quali sono i comportamenti che traducono l’amore-rispetto nella prassi; e quelli, invece, che lo contraddicono. Si tratta, pertanto, di ripensare antiche e nuove abitudini che non riguardano soltanto la caccia per sport. Altre abitudini al negativo, purtroppo, non mancano: gli allevamenti intensivi; la sperimentazione che mutila e uccide; le gare-lotte tra animali; la distruzione dell’habitat; e tanti altri ancora che una coscienza informata e formata sa individuare, disapprovare e, per quanto possibile, anche cambiare nel dialogo e nel confronto dentro e fuori la comunità.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo