logo san paolo
domenica 26 giugno 2022
 
 

Una donna al Colle, possibile però...

31/03/2012  Nulla lo vieta e l'altra metà del cielo ha dimostrato di non avere timori reverenziali, ma bisogna fare i conti con la politica italiana ancora molto maschile.

Impossibile non è. Nessuna norma lo vieta. Probabile, a quanto pare,  nemmeno, per quanto l'articolo 3 della Costituzione sia lì da 64 anni. Quando, nel 1946, 32 parlamentari del dell'Uomo qualunque provarono a votare contro Enrico De Nicola, candidato alla Presidenza della nascente Repubblica, la Baronessa Ottavia Penna, la loro provocazione, perché di quello si trattava, fu bollata come uno scherzo nemmeno spiritoso. La Costituzione era in fieri e il diritto di voto alle donne era stato contemplato per la prima volta da una Legge del 1945.


Trent'anni dopo, tant'acqua sotto i ponti era passata, ma Giuliano Amato ricorda che una sua frase pronunciata nel 1998, una frase non troppo dissimile da quella di Giorgio Napolitano sui tempi maturi per una donna Presidente della Repubblica, fu accolta alla stregua di un'imprecazione laica: "Neanche avessi proposto un coleottero al Quirinale" dice la vulgata di un dietro le quinte. 

E adesso che altra acqua  è passata, che nomi, se non chiare candidature, si sono fatti negli anni: Nilde Jotti prima, Emma Bonino poi, nomi giudicati non indegni, siamo pronti per il grande salto? Se ne parla, nessuno osa dirsi contrario- sarebbe politicamente scorrettissimo -, ma resta da mettere il Parlamento in seduta comune alla prova dei fatti. 

Un Parlamento - lo dice una ricerca presentata alla Camera nelle scorse settimane, condotta da Marina Calloni dell'università di Milano Bicocca, e da Lorella Cedroni della Sapienza di Roma- composto per la stragrande maggioranza di uomini. Le donne, secondo le cifre della XVIma Legislatura, sono appena il 20,95% alla Camera e il 18,32% al Senato: tradotto in confronti con l'estero, vuol dire 54° posto su 188 Paesi secondo le statistiche dell'Inter-Parliamentary Union al 31 dicembre 2010. E se parliamo di eurodeputate scendiamo al  24° posto su 27 Paesi rappresentati: dietro di noi solo Polonia, Repubblica Ceca e Malta. 

Se è vero, e lo è, che la presenza femminile sui seggi delle Camere ha avuto un'impennata recente, è anche vero che la si deve in buona parte all'applicazione delle regolamentazioni internazionali sulle pari opportunità, qualcosa che attiene al concetto delle cosiddette "quote rosa": meglio di niente, ma il solo fatto che se ne parli e se ne senta l'esigenza è segno di un problema non risolto e fa tanto riserva indiana. 

Eppure stando alla determinazione del milione di donne scese in piazza poco più di un anno fa a rivendicare la propria dignità, verrebbe da scommettere positivamente sul fatto che si sentano prontissime ad assumersi la responsabilità del Colle. Resta da capire se scommetteremmo altrettanto serenamente sui parlamentari uomini, sono oltre l'80%,  pronti a eleggersi una donna a capo dello Stato.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo