Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Imperfezione, regina dei nostri tempi

28/06/2012  Registi, scrittori, artisti, musicisti, scienziati scandagliano per "La Milanesiana" un tema di stringente attualità: l'imperfezione e l'errore come cifra dell'uomo e della società.

In tempi incerti e inquieti, non poteva che essere dedicata all'imperfezione l'edizione numero 13 de "La Milanesiana", la rassegna di letteratura musica cinema scienza arte filosofia e teatro ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, la quale sottolinea come «arricchire "La Milanesiana" in termini di contenuti, luoghi e durata sia la prova della sua vocazione a moltiplicarsi e diffondersi».

Dal 30 giugno al 18 luglio non solo a Milano, ma anche a Bergamo, Torino per tutte le 19 giornate del festival gli ospiti (140, in rappresentanza di 15 Paesi) si confronteranno spaziando tra letteratura, cinema, scienza, teatro e filosofia, creando ancora una volta quel dialogo fra arti e saperi cifra distintiva della manifestazione. Tre le sezioni del festival. La prima (2-7 luglio) è rappresentata dalle serate al Teatro Dal Verme e dagli “Aperitivi con l’autore” alla Sala Buzzati della Fondazione Corriere della Sera. La seconda sezione (8-14 luglio) si chiamerà “Orariocontinuato” ed è pensata per connettere con continuità gli appuntamenti giornalieri e quelli serali. Le prime tre giornate (domenica 8, lunedì 9 e martedì 10 luglio) saranno dedicate al tema del viaggio. Le restanti vedranno protagoniste invece la musica e la filosofia. La terza e ultima sezione invece, “Il Gioco delle arti”, si svolgerà di nuovo nella Sala Buzzati.

A parlare del tema dell'anno, cioè l'imperfezione, saranno ospiti di livello internazionale, provenienti da tutte le dispipline del sapere. Tra gli altri, i registi William Friedkin, Carlo Verdone, Ermanno Olmi e Amos Gitai, gli scrittori Michael Cunningham, Alice Sebold, V.S. Naipaul, Edoardo Nesi, i saggisti Umberto Eco, Siddharta Mukherjee, le attrici Anna Bonaiuto e Laura Morante, i filosofi Giovanni Reale, Giulio Giorello, Peter Sloterdijk.

Come detto, "La Milanesiana" esce dai confini cittadini e coinvolge Bergamo e Torino. Bergamo, con l’I.Lab di Italcementi – Kilometro Rosso, diventerà il polo dove si incontreranno e si intrecceranno per tre giornate (30 giugno, 1-2 luglio) scienza, musica e letteratura. A Torino, nel cortile di Palazzo Carignano, il 4 luglio si terrà un’ulteriore “prima” del Festival con contenuti esclusivi e una mostra dedicata al regista Nicholas Ray.

DOVE & QUANDO
"La Milanesiana", Milano - Bergamo - Torino, dal 30 giugno al 18 luglio. Info: www.lamilanesiana.it, tel. 02/87.905, 02/77.40.63.84-63.29

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo