logo san paolo
giovedì 20 gennaio 2022
 
Chiusa in se stessa
 

«Una ragazza buona e dolce... ma la sua è tranquillità o apatia?»

19/06/2018 

Sono la nonna di due nipoti: la più grande, Arianna, ha 15 anni. È una ragazzina buona, dolce e tranquilla, ma ha un atteggiamento apatico e rinunciatario; niente la interessa e la entusiasma. A scuola è sempre andata in modo mediocre e disinteressato verso lo studio. Fa nuoto ed è brava, ma a parte ciò sta molto in casa, perde tempo, ciondola. Ha qualche amica, ma sono immature e infantili come lei e non le sono di stimolo. Con la madre, mia figlia, ha un buon rapporto, quando però la incalza con domande su come intende regolarsi per il suo futuro, non risponde e si stringe nelle spalle. Anche le sgridate non servono, è un muro di gomma.

ELVIRA

— Cara Elvira, la tua lettera mi pone due domande. La prima è: cosa sta cercando di dirvi Arianna? Per me è difficile capirlo, e posso solo suggerirvi alcune ipotesi. L’atteggiamento remissivo e rinunciatario la caratterizza fin da piccola, cioè è qualcosa di strutturale? Magari è simile al carattere di uno dei genitori. Con il tempo e man mano che prenderà le distanze dalle relazioni primarie della famiglia, Arianna potrà mettere alla prova la sua motivazione a risolvere i problemi attraverso l’impegno e la determinazione. Per questo occorre favorire le esperienze fuori dalla famiglia, dove è chiamata ad assumere l’iniziativa in modo autonomo. In alternativa, queste note di carattere sono emerse nel tempo e oggi che è adolescente potrebbero esprimere una resistenza a crescere e assumere un ruolo più maturo. Come suggerisci, sceglie delle amiche che sembrano più legate all’infanzia e rafforzano questa sua tendenza. Perché un’adolescente non vuole crescere? Potrebbe essere preoccupata di non essere all’altezza delle sfide che le si presentano: nella crescita del suo corpo, nelle aspettative sulla scuola, nelle difficoltà dei rapporti con i coetanei. E allora va incoraggiata a mettersi alla prova, spingendola ad affrontare da sola le situazioni quotidiane. Sostenendola anche quando deve manifestare un atteggiamento oppositivo. È una ragazza buona e tranquilla: forse troppo? Magari, per educazione e stile familiare, tende a evitare le situazioni di conflitto e ad adattarsi eccessivamente alle richieste esterne, in modo passivo. Forse il suo atteggiamento apatico è un modo per evitare di entrare in contatto con certi lati di sé più aggressivi e critici. Con alcuni atteggiamenti interiori più aspri e che teme non vengano accettati dagli adulti. Fare i conti con la propria aggressività e imparare a utilizzarla in modo costruttivo, che vuol dire trasformarla in grinta e in determinazione, è un compito che spetta a tua nipote come a qualsiasi adolescente.

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo