Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 22 giugno 2024
 
 

Melandri: filantropia, per cambiare

11/10/2012  Uman Foundation vuole promuovere la filantropia in Italia. Dall'incontro di no profit e business una possibilità di cambiamento.

Sono possibili un capitalismo “più umano” e una finanza “più sociale”? E' la scommessa che sta alla base della nascita di Uman Foundation, l'iniziativa presentata a Roma alla presenza di autorità del mondo della politica, dell'economia e del terzo settore. Nelle intenzioni di Giovanna Melandri, presidente di Uman Foundation, si possono connettere le migliori imprese italiane alle imprese sociali in Italia e nel mondo.

“L'Italia”, spiega la Melandri, “ha bisogno di professionalizzare la filantropia privata, connetterla di più con le grandi fondazioni filantropiche del mondo, che stanno diventando dei veri agenti di cambiamento. Vogliamo sperimentare nuove idee per un capitalismo capace di innovare profondamente la finanza, rendendola solidale e socialmente utile”.

In Italia il terzo settore muove 67 miliardi di euro (il 4,3% del Pil), ma solo il 17,4% delle organizzazioni no profit si affidano al fundraising privato. Certo, in Italia mancano personaggi come Warren Buffet (che ha destinato oltre 43 miliardi di dollari in attività filantropiche) o Bill Gates (che di miliardi ne ha destinati 40), ma qualcosa si può fare.

“L'Italia è abbastanza indietro, sono pochi coloro che hanno colto questo tipo di opportunità. Iniziative come questa servono ad allargare la cerchia. Mi auguro che anche in Italia, così come è accaduto in altri Paesi, possa muoversi addirittura il Governo a identificare in questo un profilo strategico della nostra organizzazione economica”, sostiene Giuliano Amato, il quale nella Uman Foundation avrà il ruolo di concorrere a giudicare la qualità dei progetti.

Lo stesso Amato aggiunge che lui preferisce definire la filantropia “attività economica con impatto sociale”, cioè una attività “che non pensa soltanto al profitto, ma guarda ad aree, magari prima inesplorate, di possibile business che finisce per beneficiare quelli che stavano fuori. Portare dentro il mercato quelli che ne sono stati sempre fuori si può chiamare filantropia, ma è un business gigantesco”. Con l'impegno nella Uman Foudation la Melandri, dopo anni di militanza, dà l'addio alla politica? “Ma perché questa non è vera politica, con la P maiuscola?”, risponde a Famiglia Cristiana online, “diciamo piuttosto che da oggi do il mio addio alla politica del Porcellum”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo