Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 aprile 2024
 
Violenza alle donne
 

"Una stanza tutta per sé", dove fare denuncia

25/05/2017  Per trovare il coraggio di denunciare ci vuole un luogo sicuro, dove sentirsi accolte. Da oggi per le donne, grazie all'Arma dei Carabinieri e ai Club Soroptimist, esiste un ambiente protetto e rispettoso dove recarsi per fare quel passo che può cambiare la vita

I locali di "Una stanza tutta per sé" in via Copernico a Milano
I locali di "Una stanza tutta per sé" in via Copernico a Milano

Denunciare le violenze domestiche causate dal proprio partner è un diritto che le donne devono poter esercitare nelle migliori condizioni possibili. Aspettare a fare questo passo, davvero difficile, può essere addirittura fatale. Difficilmente l'uomo violento, se non viene allontanato o curato, smette naturalmente di fare del male. E chi gli sta accanto può affrontare, dopo una lunga serie di soprusi e abusi, esiti tragigci e definitivi. Le forze dell'ordine non si stancheranno mai di invitare le donne a non aver paura a denunciare subito, senza indugio al primo atto di violenza. Purtroppo spesso vengono frenate dal dover recarsi in stazoni di Polizia o dei Carabinieri dove non riescono a trovare la privacy e la tranquillità necessaria per compiere quel passo che potrebbe cambiare o salvare la loro esistenza. 

Ma per le donne, soprattutto in questo caso, «Ci deve essere libertà e ci deve essere pace», come affermava la celebre scrittrice inglese Virginia Woolf (1882-1941) nel saggio A Room of One’s Own (“Una stanza tutta per sé”), pubblicato nel 1929 dove parlando della condizione femminile nei secoli invocava l'esigenza di uno “spazio” fisico e mentale di autonomia, immaginazione, protezione.

Non a caso si chiama proprio "Una stanza tutta per sè" il progetto del Soroptimist International d’Italia realizzato in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri presso la Stazione dei Carabinieri Milano Garibaldi, un’aula per le audizioni delle vittime di violenza. Si tratta di un ambiente protetto dove le donne potranno usufruire di un’accoglienza dignitosa e rassicurante, rispettosa del momento difficile che segue la coraggiosa scelta di denunciare le violenze subite o di confidare i loro timori.

Il progetto partito due anni fa ha visto, fino ad ora, realizzate 67 stanze, 9 delle quali in Lombardia (Varese, Pavia, Brescia, Valchiavenna, Crema, Monza e Brianza, Como, Bergamo) e altre 21 sono in fase di allestimento, come appare sul sito: www.soroptimist.it/unastanzatuttaperse/

Anche a Milano da oggi, le donne vittime di violenza avranno “Una Stanza tutta per sé”, grazie all’impegno dei due Club Soroptimist milanesi che hanno realizzato l’aula. L‘ambiente molto confortevole, realizzato e generosamente donato da IKEA, è dotato inoltre di un sistema audio-video in grado di verbalizzare in automatico la deposizione delle vittime, questo per ridurre al minimo l’impatto psicologico che inevitabilmente porta con sé.

La cerimonia d’inaugurazione si terrà venerdì 26 maggio alle ore 11.30 presso la Stazione dei Carabinieri Milano Garibaldi, in via Copernico 32,

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo